CONDIVIDI
Lucio Cecchinello (©Getty Images)

Lucio Cecchinello nel 2017 si aspettava maggiori soddisfazioni, rispetto a quanto ottenuto dal Cal Crutchlow. L’inglese ha conquistato un podio e tre quarti posti, contro le due vittorie e i due secondi posti del 2016.

Quest’anno il team LCR schiererà anche il giapponese Takaaki Nakagami, proveniente dalla Moto2. Prosegue la collaborazione con Honda, che anche in questa stagione supporterà al meglio il proprio team clienti. Crutchlow ha il potenziale per ottenere buoni risultati, se cade un po’ meno.

Cecchinello, ripreso da Speedweek, ha così parlato dell’arrivo di Nakagami in MotoGP: “Realistico per Takaaki, considerando il numero di piloti ufficiali e piloti veloci di squadre satellite, è quello di finire ogni gara tra il 10 ° e il 15 ° posto. Sarebbe un successo. Questo è un obiettivo sensato per il primo anno. Aspettarsi di più sarebbe troppo”

Il team principal LCR prosegue parlando dei successi Crutchlow: “Non dobbiamo dimenticare che le vittorie di Crutchlow sono arrivate nel 2016 in condizioni speciali. In Australia, Márquez è caduto e a Brno è stato l’unico pilota con la gomma anteriore dura sul bagnato”.

Cecchinello va avanti con la sua analisi sull’ultimo campionato: “Ovviamente ci saremmo aspettati più podi nel 2017, ma penso che abbiamo fatto comunque bene. Ha raggiunto il 3 ° posto in Argentina, il 4 ° in Texas, Assen e Silverstone. Aggiunti alcuni quinti posti”

Questa la conclusione del boss del team LCR: “Penso che avremmo potuto evitare alcuni incidenti. Ciò ha fortemente influenzato la classifica. Ad essere onesti, nessuno si aspettava che Zarco fosse così competitivo, .Anche senza cadute, dubito che potremmo battere Zarco. Ma lo proveremo nel 2018″.

 

Mstteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori