CONDIVIDI
Luca Marini
Luca Marini (©Getty Images)

Moto2, Luca Marini a 360°: da Valentino Rossi alla voglia di titolo.

Il 2018 è stato un anno di crescita e maturazione per Luca Marini, che con l’approdo nello Sky Racing Team VR46 ha vissuto la propria miglior stagione nel Motomondiale. Settimo posto finale nel campionato Moto2. Due pole position e cinque podi totali, con una vittoria conquistata a Sepang.

Il 21enne pilota di Urbino è stato un buon compagno per Francesco Bagnaia, campione del mondo della categoria. Il clima all’interno della squadra è stato ottimo durante tutta l’annata. Con il passaggio di Pecco in MotoGP, può essere il fratello di Valentino Rossi uno dei protagonisti del prossimo Mondiale di Moto2. Rivali da tenere d’occhio non mancano, però i primi test col motore Triumph hanno detto che Marini va forte.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le ultime notizie del Motomondiale CLICCA QUI

Moto2, Luca Marini parla di Valentino Rossi e non solo

Intervistato da Marca, il giovane rider è stato interpellato sul fatto di nutrire eventualmente fastidio sull’essere presentato come fratello di Valentino Rossi. Ma ha smentito categoricamente: «No, è impossibile per me essere arrabbiato perché è parte della mia vita. Sono molto felice e molto orgoglioso di esserlo perché avere un fratello come lui è incredibile. Posso anche imparare molto. Sicuramente questo è un aiuto. Mi piace parlare con lui, abbiamo un ottimo rapporto».

In seguito Marini ha parlato della propria prima vittoria a Sepang e anche della possibilità di lottare per il titolo Moto2 nel 2019: «E’ stata come mi aspettavo. Ero molto felice, avevo la mia ragazza molto vicino a me, lì a Sepang. Tutta la squadra è stata molto contente, anche perché Pecco Bagnaia ha vinto il mondiale. E’ stata una festa molto grande. Ora non penso di essere il favorito per il titolo. Guardando l’ultima classifica, Binder è stato terzo e ha vinto più di me. Pertanto è più favorito di me. Però sarebbe una gran cosa vincere il titolo Moto2. Sicuramente ci proverò, lavorerò ogni giorno al meglio per questo obiettivo». Luca non ha torto: Brad Binder sarà certamente uno dei piloti da tenere d’occhio nel 2019. Senza dimenticare Lorenzo Baldassarri, altro pilota della VR46 Riders Academy.

Al pilota dello Sky Racing Team è stato chiesto se rinuncerebbe al proprio primo titolo mondiale se Valentino Rossi potesse vincere il proprio decimo: «Se devo decidere, dico no. Ne ha già nove, non succede nulla se ne ha uno in meno». Il Dottore sullo stesso tema tempo fa aveva detto che non vi avrebbe rinunciato, ovviamente sorridendo.

Marini ha risposto anche in merito all’eventualità di ritrovarsi a correre in MotoGP con il fratello: «Non è affatto impensabile. Ma spero che il suo ultimo anno di MotoGP non sia il mio primo, auspico che corra almeno un altro anno con Yamaha poi. Avrà più di 41 anni e sarebbe incredibile. Però ogni persona sa che senza di lui la MotoGP cambierà molto. Il suo desiderio di competere non finisce mai».

Tutti sanno che Valentino Rossi ha una rivalità importante con Marc Marquez. A Luce viene domandato se lui si sente rivale di Alex Marquez, fratello del campione MotoGP. Nega: «No, assolutamente. Con lui ho la stessa relazione che possiedo con altri piloti della Moto2. Da parte mia non c’è nulla. Mio fratello è mio fratello, io sono io. Vado per la mia strada, faccio la mia carriera».

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori