CONDIVIDI
Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (© Getty Images)

Lunga vita a Jorge Lorenzo! Il pilota maiorchino dopo la vittoria del terzo iridato in MotoGP si augura una lunga carriera in stile Valentino Rossi. In un’intervista a Vogue il pilota della Yamaha ha espresso il desiderio di correre fino a 38 anni e cercare di agguantare altre vittorie mondiali che possano proiettarlo tra le leggende della Top Class.

Il campione in carica ha ancora un anno di contratto con Movistar Yamaha e probabilmente entro la prossima estate sapremo se proseguirà la sua avventura con il team di Iwata. Forse molto dipenderà dalla competitività della sua moto con il nuovo regolamento, in parte dalle decisioni e dal feeling con il compagno di squadra Valentino Rossi, ma nonostante qualche dissapore nel finale di campionato Jorge Lorenzo sembra intenzionato a non mollare la sua M1, almeno a breve termine.

“Ho ancora un anno di contratto con la Yamaha, ma la mia intenzione è quella di rinnovare per altri due. Se il fisico regge vorrei correre fino a 36 o 38 anni”, ha detto in un’intervista a ‘Vogue’. “Tutti i grandi campioni, penso anche a Messi e Michael Jordan, hanno avuto dei momenti difficili, figuriamoci se non possono capitare a me”. E sulle critiche ricevute per le polemiche con Valentino Rossi ha risposto con una citazione: “La penso come Kurt Cobain: meglio essere odiato per quello che sono, che amato per quello che invece non sono”.

Nella medesima intervista Jorge Lorenzo ha ricordato dal suo punto di vista il Gran Premio della Malesia, contrassegnato indelebilmente da quel contatto tra Rossi e Marquez: “Perché lo ha fatto? Non lo so, ma le immagini parlano da sole. Un’azione del genere non si può giustificare, io anche se perdessi i nervi non farei lo stesso. Però provo a mettermi nei panni di Valentino – ha aggiunto il pilota spagnolo della Yamaha -: ha capito che il Mondiale gli stava scappando…”.