CONDIVIDI
Jorge Lorenzo (Getty Images)

Jorge Lorenzo arriva decisamente carico all’appuntamento olandese. Ad Assen lo spagnolo non ha proprio una tradizione straordinaria, infatti, l’anno passato è arrivato un 10° posto, mentre in linea generale la vittoria (l’unica conseguita in MotoGP) manca addirittura dal 2010. Tutto ciò unito ai problemi che sta patendo in Ducati non fanno certo ben sperare.

Jorge Lorenzo in merito al suo feeling con la Desmosedici GP 17 ha affermato: “Più conosco la moto e più aumento il mio feeling. Sono ormai due gare che sono riuscito anche a girare in testa per qualche giro in gara quindi spero di crescere sempre di più”.

Lorenzo pensa che questa Ducati possa essere da titolo

Sulle speranze mondiali di questa Ducati però frena un po’: “Dobbiamo aspettare ancora un po’, bisogna vedere come vanno le cose. Se Dovizioso nelle prossime 5-6 gare comincia a salire costantemente sul podio allora vuol dire che la moto ha il potenziale per lottare per il campionato, altrimenti vorrà dire che c’è ancora da lavorare”.

Sulle ultime due gare Jorge Lorenzo ha poi dichiarato: “Al Mugello onestamente sapevo che le Ducati sarebbero andate forti, mentre a Barcellona hanno fatto tanta fatica le Yamaha e questo ci ha aiutato. In queste piste c’erano rettilinei lunghi che a noi si sa fanno bene, vedremo, invece, come si comporterà la moto qui e nella prossima gara dove, invece, ci sono rettilinei brevi”.

Uno come lui però non può esimersi dal parlare delle sue speranze di vincere il mondiale: “Non si sa mai quello che può accadere. Se vinco tutte le gare da qui alla fine potrei vincere il mondiale. Non è impossibile, ma è davvero molto difficile pensare di riuscirci. Noi abbiamo obiettivi diversi. Per Dovizioso è la 5a stagione in Ducati, probabilmente nelle stesse condizioni anche i miei risultati sarebbero diversi”.

Antonio Russo