CONDIVIDI
Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Undicesimo posto in Qatar, ritiro in Argentina. Jorge Lorenzo approda ad Austin per dare una svolta alla sua nuova avventura in Ducati. E lancia segnali di ottimismo alla vigilia del Gran Premio texano. “Finalmente arriviamo a Austin. Non è tempo per i rimpianti dopo quello che è successo in Argentina”.

Al COTA il maiorchino non ha mai vinto, ma la Desmosedici è sempre salita sul podio. Sarà interessante vedere con Jorge saprà adattarsi alla nuova situazione. “Anche se i risultati sono non con noi, credo che abbiamo trovato un modo per andare meglio. Per un motivo o per l’altro non siamo ancora stati in grado di esprimerci in condizioni di asciutto. Nel team siamo positivi, stiamo tutti lavorando forte e sono convinto che presto cambieremo questo brutto periodo”.

In Argentina non è riuscito neppure a completare il primo giro, nè ha potuto dimostrare i passi avanti dopo la gara in Qatar. Se la vittoria sarà ancora un traguardo impossibile, l’obiettivo è avvicinarsi al gruppo di testa, quindi al podio. Dalla sua parte un team che lavora strettamente al suo fianco e crede fortemente in lui. “Sto lavorando duro, ho analizzato un sacco di dati, provato molte cose, sto cercando di tutto per trovare e posizionare i pezzi del puzzle per andare più veloce”.

Serve ancora tempo e macinare chilometri con la nuovo moto. Quella GP17 che ha sbattuto a terra dopo il ko di Rio Hondo, le cui immagini hanno fatto il giro del mondo. Ma Jorge Lorenzo chiarisce: “Sono molto grato che in nessun momento mi hanno rimproverato nè mi hanno punito per il brutto gesto che ho avuto in Argentina. Hanno capito che era un momento di frustrazione e certamente non tutti i team agiscono in questo modo. Mi sento molto protetto e grato, nei momenti difficili si mostra la fedeltà”.

Sarà probabilmente un Mondiale più difficile del previsto. “Certamente non perdo la speranza di vincere una gara quest’anno. Forse per il secondo anno siamo pronti fin dall’inizio, ma ci sono ancora molte gare in questa stagione – ha precisato l’ex pilota Yamaha -. Sto cercando di adattarmi il più rapidamente possibile alla moto, ma sta costando più del previsto”.