CONDIVIDI
Jack Miller a Rio Hondo
©Getty Images

MotoGP Argentina | Jack Miller re delle slick: azzardo vincente in qualifiche e gara

Il Gp d’Argentina è stato il week-end perfetto per Jack Miller, il podio sarebbe stato il sigillo ad un lavoro azzardato ma impeccabile. La sua presenza solitaria in griglia di partenza è un’immagine che resterà scolpita negli annali di storia, frutto di una strategia che non è stata adeguatamente premiata dalla Direzione di Gara.

Il Napoleone dell’Argentina aveva calato le carte vincenti già nelle qualifiche del sabato, quando a pochi minuti dalla fine delle qualifiche è scomparso dai radar per tornare ai box e tentare la mossa delle gomme slick. Una decisione a sorpresa, tentata da Marc Marquez prematuramente, premiata con la conquista della sua prima pole in carriera, il giusto premio per l’ottimo lavoro svolto nei test invernali: “Non era facile stare in piedi, soprattutto nelle due curve che erano ancora bagnate. Ho pensato: “E’ il momento di fare all-in”. E’ andata bene e sono molto felice”.

Il doppio azzardo vincente di Jack

A distanza di 24 ore il team Pramac Racing e lo staff dell’australiano ripetono la teoria vincente, solo contro tutti, ma una Direzione Gara in totale confusione non conferisce il dovuto premio alla scommessa ‘meteorologica’. “Per noi è penalizzante perchè avevamo fatto la scelta giusta – ha ammesso Francesco Guidotti in griglia di partenza -. Jack parte dalla pole, gli altri partiranno tre file dietro. Non è giusto per lo spettacolo fare una partenza nella partenza. Non c’è nulla da reclamare”.

In gara le curve di Rio Hondo mettono in risalto le difficoltà intrinseche della Ducati e premiano l’agilità della Honda, un errore nelle fasi finali fa il resto, con una traiettoria bagnata che interferisce sulla pista ormai quasi asciutta. Il quarto posto è un gran risulto che però lascia un po’ di amaro in bocca se si pensa ai 18 giri trascorsi al comando: “Devo ammettere che sono un po’ deluso per non essere riuscito a lottare per il podio dopo aver guidato a lungo la gara – ha dichiarato Jack Miller -. Ho fatto un errore che mi è costato molto. Ma per essere onesto sono molto contento per questo week end. Con il team abbiamo fatto davvero un lavoro incredibile. La scelta della Race Direction sulla griglia? Credo che hanno dovuto prendere una decisione difficile in un momento di grande stress”.

Luigi Ciamburro