CONDIVIDI
Jack Miller (Getty Images)

Jack Miller ha raccolto sin qui nel Motomondiale 7 vittorie, 11 podi e 8 pole. Nel 2015, dopo una grande stagione in Moto3 culminata con il 2° posto nel mondiale era stato spedito subito in MotoGP. Nel 2016, grazie alla vittoria di Assen aveva ricevuto molti elogi. Nel campionato appena conclusosi con la vittoria del titolo da parte di Marquez, l’australiano ha messo insieme, invece, tanti buoni piazzamenti migliorando il suo score di punti, ma purtroppo non è riuscito a ripetere il successo dell’anno passato.

Per Jack Miller però è arrivata una chiamata difficile da rifiutare. Il Team Ducati Pramac, infatti, ha deciso di affiancarlo a Danilo Petrucci. Davvero un buon colpo per l’australiano. Nel 2017, infatti, la Pramac proprio con Petrucci ha messo insieme prestazioni davvero di rilievo.

Miller entusiasta

Jack Miller è già riuscito a provare la nuova moto durante i test di Valencia dove ha dimostrato davvero un grande entusiasmo per questa Ducati. Come riportato da “Motorsport.com” ha così dichiarato in merito a questa esperienza: “Sono davvero contento della moto e del team, questo mio primo contatto è stato molto positivo”.

L’australiano ha poi continuato: “Mi sono adattato bene senza dover toccare nulla, poi sul rettilineo ha una velocità impressionante. La Ducati è diversa dalla Honda, ma mi sto divertendo. Il grip è buono anche se bisogna essere un po’ morbido con il gas. Questa moto ti permette di frenare molto tardi”.

A differenza di Dovizioso e Jorge Lorenzo che si sono lamentati di come la moto curva, Jack Miller la pensa in maniera completamente diversa: “Sono sorpreso di come la moto entra in curva e gira. Forse quelli che dicono che la moto non gira dovrebbero guidare le altre moto”.

Antonio Russo