CONDIVIDI
Honda (Twitter)

Tra le big manca solo la Honda. Dopo la presentazione di ieri della Yamaha, infatti, la MotoGP è orfana solo della moto campione del mondo in carica. Il nuovo mezzo avrà il compito di correggere quelle criticità mostrate nel 2017. Marquez, infatti, pur vincendo il mondiale, a più riprese si è lamentato di avere problemi soprattutto di natura elettronica.

Indubbiamente la grande crescita della Ducati ha messo in pre-allarme Honda, che ora lavora incessantemente per rincorrere il team di Borgo Panigale. Pur vincendo il mondiale, infatti, i giapponesi l’anno scorso non sono sembrati di certo impeccabili in più di un’occasione, salvati più dal talento di Marquez che dalla bontà della moto il più delle volte.

Novità in casa Honda

In particolare Ducati ha sorpreso tutti per le tante idee mostrate in campo aerodinamico nell’arco della stagione. Idee, che sono state palesemente copiate un po’ da tutti in MotoGP, con alette d’improvviso comparse un po’ su tutte le carene.

In queste ore a Sepang si stanno tenendo i primi test in vista della nuova stagione. Gli occhi di tutti come sempre sono puntati in casa Ducati per la guest star Casey Stoner, che già ieri a quanto pare avrebbe impressionato tutti per la sua velocità.

A catalizzare l’attenzione dei media in questa giornata però ci ha pensato anche la Honda, che ha provato alcune novità con il tester Hiroshi Aoyama. Come provato dagli scatti dei colleghi di “Crash.net”, infatti, la nuova moto sembrerebbe presentare delle appendici laterali simili alle alette inglobate nella nuova discussa carena Ducati.

Insomma a quanto pare in casa Honda, almeno per ora, si è deciso di rincorrere Borgo Panigale per quanto concerne l’aerodinamica. Bisognerà capire dalla presentazione se effettivamente la nuova moto scenderà in pista proprio con questa soluzione.

Antonio Russo

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori