CONDIVIDI
Johann Zarco in Qatar (©Getty Images)

La classifica dei giri al comando non sorprende se si guarda che al primo posto c’è Marc Marquez con 96 giri in testa. Il fenomeno di Cervera ha conquistato il suo sesto titolo iridato nell’ultima gara a Valencia, gestendo il terzo posto con una certa tranquillità (eccezion fatta per il salvataggio record nelle fasi iniziali). Sei vittorie e sei podi stagionali gli hanno garantito di avere la meglio su Andrea Dovizioso, autore di altrettante vittorie e due soli podi.

Ma a guardare la classifica dei giri al comando sorprende (fino a un certo punto) il nome di Johann Zarco al secondo posto, con 64 giri di pista in testa al gruppo. Numeri che gli hanno fatto strameritare il titolo di miglior rookie del 2017 e miglior pilota satellite della MotoGP. Del resto basti pensare alla prima gara in Qatar dove ha sorpreso tutti piazzandosi davanti, prima di finire a terra per un errore.

In casa Ducati desta un certo stupore che Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo abbiano concluso alla pari questa speciale classifica con 49 giri ciascuno. Peccato che il maiorchino abbia raccolto molto meno del suo compagno di squadra, caratterizzandosi per una partenza sprint prima di dover cedere sotto i colpi dei pneumatici.

Valentino Rossi si ferma a quota 44 giri con una sola vittoria al Gran Premio di Assen. Invece Cal Crutchlow non ha compiuto neppure un giro in testa al gruppo nella stagione 2017, nonostante le due vittorie nella scorsa stagione.

Per quanto riguarda i chilometri percorsi nelle prove libere  è Zarco a detenere il primato con 7209 km complessivi, con Marc Marquez secondo a quota 7147 km e Maverick Vinales terzo con 6993 km.