CONDIVIDI
Marco Simoncelli (©Getty Images)

A sei anni dalla sua scomparsa il nome di Marco Simoncelli continua a viaggiare nei cuori delle persone e degli amanti delle due ruote. L’ultima storia che lo riguarda ci arriva dal Friuli e precisamente da Codroipo, in provincia di Udine.

Lui, il protagonista, si chiama Loris Shaba, un giovane di 22 anni, diplomato in ragioneria, che ad un mondo fatto di numeri, ha preferito la creatività della musica.  Per farsi conoscere, un po’ come tutti quelli ambiscono a raggiungere una vasta audience, si è affidato ai social network. Il suo primo video ufficiale lo ha postato sulla sua pagina Facebook lo scorso 23 ottobre e subito è stato condiviso da migliaia di persone. “Inizialmente era un gioco, uno sfogo. In seguito ho capito che era la mia vera passione e che volevo, attraverso la mia arte, trasmettere felicità agli altri e farli sentire speciali”, ha raccontato a Il Gazzettino. “La canzone che ho pubblicato si chiama “Leggenda ora sei re”. Parla di sport. Dei valori che si rispecchiano in ogni aspetto della vita, di vincere e di perdere, di rialzarsi, di piangere di gioia o di dolore . L’ho dedicata a Simoncelli, perché il suo modo giocoso e solare di vivere mi ha affascinato e rapito. Mi ha fatto capire che se guardi attentamente all’interno di ogni persona, puoi trovare tante cose inaspettate e meravigliose”, il suo omaggio prima di aggiungere un ringraziamento: “Ai miei genitori che hanno sempre creduto in me e a Marco, che mi ha aiutato a non sentirmi solo”.

Giusto un giorno fa papà Paolo aveva voluto condividere un episodio accaduto all’arrivo all’aeroporto di Sepang la settimana scorsa, quando lui e mamma Rossella sono stati fermati da una ragazza che ha consegnato loro il guanto sinistro perso da Sic nella fatale caduta alla curva 11 del circuito malese e da lei acquistato da un commissario di gara.

Chiara Rainis