CONDIVIDI
Franco Morbidelli (Getty Images)

MotoGP | Franco Morbidelli in Yamaha, il tutto spinto da Valentino Rossi

Franco Morbidelli è appena arrivato in MotoGP, ma va sé che non è un esordiente come tutti gli altri. Sulle spalle, infatti, porta già un piccolo peso. L’Italia intera, infatti, punta su di lui per proseguire la nostra tradizione in MotoGP. In fondo Valentino Rossi ha 39 anni e lo stesso Andrea Dovizioso non può certo considerarsi un giovanissimo.

Il titolo vinto in Moto2 l’anno scorso non fatto altro che buttare altra benzina sul fuoco che arde nei cuori dei fan di Franco Morbidelli. Il pilota romano inoltre, non è un mistero, cresce da tempo sotto l’ala protettiva di Valentino Rossi, quindi è facile per i tifosi dei due immaginare un ideale passaggio di consegne.

Un’idea che piace a tutti

Proprio per l’importanza del personaggio ci si aspetta presto qualche novità interessante per il 2019. Franco Morbidelli, infatti, attualmente guida una Honda dell’anno scorso. Il Team Marc VDS però ha il contratto in scadenza con i giapponesi e come affermato da Michael Bartholemy proseguono le trattative con Yamaha e Suzuki oltre alla stessa Honda per la fornitura delle moto dall’anno prossimo.

L’obiettivo è quello di dare a Franco Morbidelli una moto ufficiale per il 2019. Proprio Bartholemy ha però lasciato intendere che nei piani del pilota romano c’è un piano ben preciso ammettendo: “Io voglio dare una moto ufficiale a Franco Morbidelli l’anno prossimo, lui ha delle priorità, ma mi ha dato piena libertà sulla decisione e voglio dargli il massimo”.

Insomma, il rider del Team Marc VDS sembra avere nei propri piani la Yamaha e a confermare questa direzione ci ha pensato lo stesso Valentino Rossi che ha dichiarato: “Potrebbe avere una Yamaha con i colori Marc VDS. A me piacerebbe Franco con una Yamaha. E ancora di più piacerebbe a lui”. L’idea è inutile nasconderlo piace a tutti, Valentino compreso, che potrebbe così seguire da vicino la crescita del proprio figlioccio sportivo e allo stesso tempo avvalersi del suo apporto per far crescere questa Yamaha.

Antonio Russo