CONDIVIDI
Carmelo Ezpeleta
Carmelo Ezpeleta (©Getty Images)

Il Gran Premio di Jerez in programma dal 4 al 6 maggio si aprirà all’insegna del ricordo di Angel Nieto. Il circuito sarà intitolato al 13 volte campione di motociclismo scomparso un anno fa in seguito ad un incidente stradale e sul podio i piloti saranno premiati con uno speciale ‘Trofeo Angel Nieto’. Carmelo Ezpeleta anticipa alcuni avvenimenti del week-end andaluso e apre le porte a Valentino Rossi in procinto di chiudere la sua leggendaria carriera.

Sembra difficile immaginare la Dorna e la MotoGP senza Carmelo Ezpeleta, eppure anche la Formula 1 ha saputo fare a meno di una icona come Bernie Ecclestone. “Dico lo stesso che dico con Rossi. Perchè dovrebbe ritirarsi? E’ tra i primi e si diverte. Per me è lo stesso. Se non mi divertissi me ne andrei, ma fino a quando non accade…”, ha detto il CEO di Dorma al quotidiano spagnolo ‘AS’.

Valentino Rossi sembra ancora non aver trovato un accordo con Yamaha per il rinnovo di contratto. All’età di 39 anni e nove titoli iridati il Dottore vorrebbe proseguire e chiudere la carriera nel 2020, prima di assumere un ruolo dirigenziale nel Motomondiale. “Quando andrà in pensione Rossi continuerà in MotoGP in qualche modo e ha già detto che, fino a quando corre, non avrà una squadra, perché vuole farla per bene”. Quando a Carmelo Ezpeleta viene chiesto se Valentino si diverte senza vincere il boss della Dorna risponde senza mezze misure: “Non vince, ma è lì, e nel 2017 ha vinto un GP (Olanda), questo è molto difficile da fare. Conosce se stesso meglio di chiunque altro e non è nelle gare per passare il tempo, è qualcosa che ha fatto da quando aveva 16 anni ed è il suo modo di vivere”.

Il 72enne manager catalano, ad di Dorna Sports dal 1991, ha saputo far crescere economicamente il Motomondiale come nessun altro, riuscendo ad abbattere i costi nel corso dell’ultimo decennio, realizzando motori 1.000cc e fissando il diametro massimo dei pistoni a 81 mm, fino ad arrivare alla centralina unica nel 2016, che ha consentito di render ancora più spettacolare la MotoGP accorciando il gap fra team ufficiali e privati. Da quest’anno il campionato del mondo conterà 19 gare ed entro il 2020 dovrebbe arrivare a quota 20 con l’ingresso della Finlandia. E assicura che in fila ci sono anche “Indonesia, Messico, Cina, India, Kazakistan, Ungheria e Brasile”. Dal prossimo anno spazio al Mondiale elettrico, si correrà su cinque circuiti europei che saranno annunciati nei prossimo mesi. “Ma prima – ha concluso Carmelo Ezpeleta – dovremo goderci un 2018 che inizierà il 18 marzo in Qatar e sarà emozionante”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori