CONDIVIDI
Mike Leitner
Mike Leitner (©Getty Images)

Intervista esclusiva a Mike Leitner, team manager KTM

La sessione di test invernali è iniziata leggermente in salita per KTM Factory Racing, con Pol Espargarò vittima di una brutta caduta a 250 km/h a Sepang, costretto ad un intervento all’ernia alla vertebra L4 che gli ha impedito di essere schierato in Thailandia e di lavorare non in perfetta forma a Losail. Ma lo sviluppo della RC16 prosegue a ritmo sostenuto, grazie all’ottimo lavoro di Bradley Smith e Mika Kallio che hanno trovato una buona base su cui concentrare l’attenzione, di gara in gara, su set-up, scelta gomme e condizioni particolari della pista.

Rispetto a 12 mesi fa i piloti girano 1,2 secondi più veloci e KTM non subirà il congelamento del motore nè le altre restrizioni regolamentari, con 9 propulsori variabili a disposizione e numero illimitato di test. Il box del team austriaco è in continuo divenire e pone le basi per un futuro rigoglioso, a cominciare dalla partnership con il già ben rodato team Tech3 dal 2019. “Dopo un anno di test, oltre a un altro anno di gare, c’è una buona base sul lato umano, logistico e tecnico del progetto. Sulla base del fatto che tutte le principali aree della moto come motore/elettronica, telaio/sospensioni, carenatura e pneumatici devono essere ulteriormente sviluppati e migliorati passo dopo passo”, ha spiegato il team manager Mike Leitner a Tuttomotoriweb.

La stagione 2018 servirà per crescere ulteriormente, ridurre il gap dal vertice e guardare al futuro con uno spirito vincente. “Con le prestazioni raggiunte dopo la nostra prima stagione da rookie, abbiamo superato già le nostre aspettative, chiudendo per sette volte nella top-10, oltre a finire al quinto posto nella classifica dei costruttori MotoGP. L’obiettivo per il secondo anno in MotoGP è di ripartire da questo livello – ha aggiunto il boss KTM -, colmare ulteriormente il divario dal vertice e finire costantemente nella top ten, con alcuni risultati sperabilmente più vicini ai primi 5″.

Assodato l’accordo con Tech3 si lavora sul mercato piloti in sordina. L’obiettivo che non viene pronunciato per scaramanzia è puntare su un fuoriclasse come Johann Zarco, ma le trattative sono lunghe, per nulla semplici e regna massimo riserbo. “Vogliamo iniziare l’anno in modo positivo e migliorare ulteriormente la moto, queste sono le cose su cui dobbiamo concentrarci principalmente all’inizio della stagione – ha proseguito Mike Leitner -. Il primo obiettivo è quello di mantenere i nostri forti piloti anche la prossima stagione!”.

Il 2019 sarà l’anno della svolta, con KTM in grado di avvicinarsi a Honda, Ducati e Yamaha? “Per prima cosa cerchiamo di concentrarci su di noi migliorando ulteriormente la velocità sul giro e la distanza di gara. Guardando le nostre prestazioni e lo sviluppo soprattutto nella seconda metà dello scorso anno, oltre a pensare a quali dovrebbero essere le prossime pietre miliari – ha concluso Mike Leitner -. Sarebbe bello combattere sempre di più con i ragazzi e le squadre in cima”.

Luigi Ciamburro

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori