CONDIVIDI
Martina Cuzari

Per Martina Cuzari sarà il terzo anno al servizio del team Forward Racing di Moto2. Non è semplicemente la figlia del patron Giovanni Cuzari, ma una ragazza sempre solare e disponibile a parlare di vita del paddock, senza censure, come è proprio dei giovani più intraprendenti ed entusiasti del loro lavoro.

Da quest’anno si occuperà non solo dell’hospitality e della gestione degli ospiti, ma anche della comunicazione, all’interno di un team che vive e si sposta come una grande famiglia e che fa delle quote rosa un punto di forza. Come ogni anno, alla vigilia di un Motomondiale, scambiare quattro chiacchiere con Martina Cuzari è per noi diventato un appuntamento tradizionale.
Secondo alcuni giornali il team Forward rischiava di non essere ai nastri di partenza quest’anno. E invece, come dice il buon Vasco… “Io sono ancora qua”.
La gente per fare notizia ha bisogno di trovare scoop che non esistono come questo. Probabilmente con noi si sono anche un po’ accaniti nel corso del tempo. Noi cerchiamo di fare il nostro e di farlo al meglio. Sicuramente il 2015 è stato per noi un anno che ci ha quasi distrutti, ma la passione, la determinazione e soprattutto gli investitori che hanno sempre creduto in noi, ci hanno dato modo di superare anche quella tragedia ed oggi, anche se con ancora qualche difficoltà, siamo ancora qui ed in maniera decorosa, con lo stesso personale di sempre e con nuovi progetti. Sicuramente è più difficile fare il giornalista che il giornalaio… ma per fortuna esistono più giornalisti, che vivono anche grazie a Team come noi e scrivono nelle loro testate articoli grazie alla passione e alla determinazione di chi a fatica porta avanti la propria attività. Bisognerebbe ricordarsi che a volte la cattiveria di sparare a zero su un’attività, crea scompenso alla stessa e soprattutto alle oltre 20 persone che ci lavorano. Il tempo è sempre giudice…
Un team sempre più al femminile con Milena Koerner nel ruolo di Chief Operating Officer (COO), poi ci sei tu, Veronica Del Sole…
Assolutamente si, ci siamo io e Veronica, Milena è qui dagli inizi del team…
Cosa pensi del ruolo delle donne nei Gran Premi e dell’abolizione delle umbrella girls in Formula 1?
L’accostamento donne e motori c’è sempre stato. Non riesco a capire perchè proprio adesso si decida di intraprendere questo percorso. Alla fine è anche bello vedere questo accostamento particolare. Noi ad esempio abbiamo avuto Francesca Brambilla come ombrellina. Lei è una motociclista in prima persona, è appassionata dei motori ed è una bellissima ragazza. Perchè no?! Non si fa del male a nessuno, è un accostamento che è quasi un’istituzione e non riesco bene a capire.
Martina Cuzari
Quest’anno avete fatto molti cambiamenti nel team, a cominciare dai piloti, ma anche nell’organigramma del team. C’era bisogno di una ventata di novità…
Penso che le novità in generale siano l’ossigeno per andare avanti, ogni tanto è giusto rinnovarsi, altrimenti si resta ad un punto di stallo. Sono molto fiduciosa dei nuovi piloti, sono due ragazzi fantastici (La risata di Eric Granado è contagiosa da morire…). L’innovazione ogni tanto fa bene, poi gran parte del nostro team a livello tecnico è rimasto invariato negli ultimi sei anni, ad esempio Daniele Giani ma ricordiamo anche Mirko Fiuzzi, Gianpaolo Sossai, Stefano Ottaviani.
Il momento più bello di un week-end di gara?
Io sono spesso e volentieri in coppia con la mia collega e migliore amica Veronica e ci troviamo molto bene a lavorare in squadra. Ci occupiamo della gestione degli ospiti, organizzazione in generale dell’hospitality, quest’anno mi occuperò anche della comunicazione. Non ti so dire un momento più bello in assoluto,
perchè siamo noi come persone a rendere i momenti belli. Certo che se devo parlarti di un momento della stagione, sicuramente quando il pilota di fa un bel risultato e arrivi al parc fermè e c’è un clamore generale che è davvero emozionante. In un week-end in generale, il momento più tranquillo è quando finisci di fare
tutto e fai il riepilogo della giornata e magari sono le 2 del mattino.
Non ti chiedo un pronostico per la Moto2, ma per la MotoGP…
Sicuramente Rossi ci farà ancora sognare, questo è poco ma sicuro. Ma mi aspetto qualcosa anche dal buon Lorenzo.
Qual è il pilota del passato che ricordi con più affetto del team Forward?
Loris Baz, è stato il primo pilota con cui ho avuto a che fare. Ho instaurato un bellissimo rapporto di amicizia con lui e con la sua fidanzata, quando siamo in giro per il mondo non manca mai occasione per ritrovarsi anche al di fuori del contesto gara.
Luigi Ciamburro