CONDIVIDI
Cal Crutchlow (Getty Images)

MotoGP | ESCLUSIVA, Cal Crutchlow: “Rossi è un teenager, si parlerà di lui anche dopo”

Cal Crutchlow sta disputando davvero un’ottima stagione. Sinora ha già portato a casa una vittoria e diverse buone prestazioni, ma soprattutto è dopo Marquez il secondo miglior pilota della Honda. Noi di Tuttomotoriweb.com lo abbiamo intervistato per voi per chiedergli della sua annata.

Com’è nata la tua passione per le moto?

Inizialmente giocavo a calcio ed ero anche bravino. Poi mio padre mi ha indirizzato verso le corse di moto. Ho iniziato tardi rispetto a molti miei colleghi che sono saliti in sella a 4/5 anni. Ho dovuto scegliere tra il calcio e le moto ma ad oggi credo di avere fatto la scelta giusta.

Quali sono i tuoi obiettivi stagionali?

Come tutti quelli che fanno il mio mestiere la vittoria viene al primo posto. Ma bisogna essere razionali ed onesti. Ci sono molti piloti di talento e il Campionato è molto agguerrito. Io miro sempre al podio e chiudere la stagione nei primi 5 sarebbe un bel traguardo per me e la squadra.

Come ti trovi con il nuovo compagno di squadra? Ti piace avere finalmente un altro pilota con cui condividere il box?

Come ho già detto nei test invernali Taka è un pilota talentuoso. La MotoGP è una categoria difficile e la RCV non è una delle moto più semplici da gestire. Si sta comportando bene al suo debutto e tra di noi c’è un buonissimo rapporto.

In Yamaha hanno fatto capire che lo sviluppo della nuova moto sarà affidato a Valentino Rossi. Trovi sia una scelta giusta?

Rossi è un talento naturale e lo sta dimostrando anche quest’anno. Ha quasi 40 anni ma guida benissimo e si diverte come un teenager. Per lui ho il massimo rispetto.

Che cosa pensi farà Rossi dopo il ritiro?

Rossi ha una passione per i rally… magari lo vedremo in pista sulle 4 ruote. Comunque sono convinto che sentiremo parlare di lui anche dopo il suo ritiro.

Nel 2019 vuoi un team ufficiale a prescindere dalle decisioni che prenderanno in HRC?

Il sogno di ogni pilota è quello di correre in un Team Ufficiale. Io sono in un Team molto professionale e ho il massimo supporto da Honda. Lucio è un Team Manager esperto ed attento che non mi fa mancare nulla. La squadra lavora benissimo e dopo 4 anni ci intendiamo al volo. C’è un’atmosfera famigliare che mi piace e mi serve per stare tranquillo e concentrato.

Chi pensi vincerà il titolo mondiale in MotoGP in questo 2018?

In molti mi fanno questa domanda ma se lo sapessi farei l’indovino. Credo che Marquez abbia dimostrato di essere ancora il più forte ma il campionato è ancora lungo.

Antonio Russo