CONDIVIDI
Direttore Sportivo Ducati – Paolo Ciabatti (Getty Images)

La Ducati sinora ha dimostrato di essere la moto da battere. Nei primi test, infatti, la Rossa ha impressionato un po’ tutti per l’enorme passo in avanti fatto rispetto al 2017. Certo per confermare i progressi bisognerà vedere la moto all’opera su piste notoriamente avverse a Borgo Panigale, ma la strada intrapresa sembra quella giusta.

Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo vogliono provare a riportare il titolo mondiale in Ducati dopo l’ultimo acuto firmato da Casey Stoner nel 2007. L’italiano forte dei risultati dell’anno passato è più convinto che mai a fare bene. Lo spagnolo, invece, dopo un 2017 grigio sembra aver finalmente trovato il giusto feeling con la moto.

Ducati allontana Petrucci

In orbita Ducati da tenere sotto controllo anche le prestazioni di Danilo Petrucci. Il pilota del Team Pramac, infatti, arriva da una stagione importante e vorrebbe provare a portare a casa un contratto con la squadra ufficiale per il 2019. Per farlo però dovrà dimostrare di valere gli attuali rider titolari.

Come riportato da “Motorsport.com”, il direttore sportivo della Ducati, Paolo Ciabatti, ha così commentato la stagione che è alle porte: “L’obiettivo di Ducati è quello di tenere questi piloti. Abbiamo investito tanto con Andrea e Jorge e dobbiamo provare a rinnovare ad entrambi il contratto. Naturalmente non possiamo controllare tutto”.

Chiusura poi su Petrucci: “Danilo deve essere intelligente e cercare un team ufficiale. Il suo programma junior con Pramac si conclude nel 2018 e penso che lui possa essere adatto ad una squadra ufficiale. Naturalmente vuole più soldi e in tal senso è tutto legato alla firma con un costruttore, sia che fossimo noi o altri”.

Insomma, a Borgo Panigale le porte sembrano socchiudersi per Danilo Petrucci. L’impressione è che se Dovizioso non dovesse rinnovare la situazione poi cambierebbe radicalmente.

Antonio Russo