CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (foto Ducati)

MotoGP, Ducati annuncia il rinnovo di Andrea Dovizioso: conferenza alle 17

Andrea Dovizioso e i vertici Ducati hanno apposto le rispettive firme sul rinnovo di contratto. Il pilota forlivese continuerà a correre in MotoGP con il team di Borgo Panigale. fino al 2020.

Dopo settimane di trattative in cui sembrava addirittura che l’accordo potesse non arrivare, è giunta finalmente la fumata bianca. Le parti si sono venute incontro e l’intesa ora è totale. Il manager Simone Battistella è riuscito a far ottenere al pilota quanto richiesto, sia sotto il profilo economico che sotto altri aspetti. Il matrimonio, dunque, prosegue. E sarebbe stato strano se fosse andata diversamente.

MotoGP, Andrea Dovizioso rinnova con Ducati

Ducati tramite il proprio profilo Instagram ha di fatto ufficializzato il rinnovo di Andrea Dovizioso. Il pilota forlivese sosterrà oggi una conferenza stampa alle ore 17 da Le Mans, dove è impegnato per il Gran Premio di Francia 2018 MotoGP (stamane secondo in FP1). Nell’occasione spiegherà come sono andate le trattative e soprattutto le sue sensazioni per la prosecuzione di un sodalizio che dura ormai dal 2013.

Dovizioso rimarrà in Ducati almeno fino al 2020, arrivando così a disputare ben otto stagioni con la tuta rossa. Ovviamente il suo obiettivo sarà quello di conquistare il titolo MotoGP. Un anno fa ci andò vicino e adesso ci sta riprovando, contro un Marc Marquez che rappresenta sempre un avversario difficile da battere. Sarebbe importante già a Le Mans arrivargli davanti, prima di affrontare la gara del Mugello a inizio giugno.

Proprio dal GP d’Italia ci fu la svolta di Dovizioso nel 2017. Vinse la gara e poi da lì partì una cavalcata che lo portò a giocarsi il titolo fino all’ultima gara di Valencia. Quest’anno spera in un epilogo migliore, ma ci sarà da combattere. Intanto era importante chiudere la partita del rinnovo con Ducati, anche per rasserenare l’ambiente e archiviare la vicenda. Un “problema” in meno di cui occuparsi e ora massima concentrazione sul resto della stagione.

 

Matteo Bellan