CONDIVIDI

Lunedì sarà presentata la Ducati Desmosedici GP18 che accompagnerà il destino di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. Una presentazione che arriva a pochi giorni dall’addio del suo grande sponsor Tim che causerà qualche modifica alla livrea oltre che tecnica.

PRESENTAZIONE “BLINDATA” – Il via alla stagione 2018 avverrà a Borgo Panigale e dall’entourage Ducati sappiamo che sarà un evento “aperto solo a un elenco ristretto di invitati e quindi la presenza Media è limitata solo ai giornalisti Permanent MotoGP e le TV che hanno i diritti”. Di certo una risposta che dimostra una certa mentalità arcaica di intendere il Motomondiale, la sua diffusione, di fare marketing. Una risposta che non fa bene alla classe regina. Così facendo, con un Auditorium in stile Area 51, saranno lontani i tempi di un sport ad alta popolarità che tutti gli appassionati sognano. L’invito a seguire la presentazione in Live Streaming non è una risposta da dare a un giornalista. Chiusa parentesi.

I comuni mortali che vorranno seguire l’evento potranno farlo in live streaming sul sito skysport.it a partire dalle 10.30, oppure sul sito della casa di Borgo Panigale o sul profilo Facebook. I primi a prendere la parola saranno Luigi Dall’Igna e seguiranno le prime interviste ufficiali dei due alfieri Dovizioso e Lorenzo, alle prese con i rinnovi di contratto, che causeranno non qualche problema dietro le quinte, oltre che con i fatti di Valencia, che hanno di certo lasciato qualche attrito nel box della Rossa. Forse che sia questo uno dei motivi delle difficoltà di rinnovare con il Dovi preannunciate da Paolo Ciabatti? Nell’attesa di conoscere gli sviluppi, Yamaha ha già messo da tempo gli occhi sul talento forlivese…

SCELTE SCOTTANTI – Sarà una stagione del dentro o fuori per la Ducati, con Jorge Lorenzo che non potrà commettere un altro passo falso. I fan italiani non digeriscono ancora il super contratto milionario del maiorchino a scapito di un ingaggio troppo ristretto di Andrea. Un’altra scelta impopolare “Ducati-style”! E’ vero che un tre volte campione della MotoGP può valere tanto, ma alla luce dei nuovi risultati (e dei prossimi…) sarebbe più sensato rivedere quel noto sistema di meritrocrazia che farebbe bene allo sport e all’Italia…

LA DESMOSEDICI GP18 – Che moto sarà la Desmosedici GP18? Di certo c’è da attendersi una nuova livrea dopo la rottura della partnership con TIM che andava avanti dal lontano 2004. Per le novità tecniche dovremo attendere in parte i test di Sepang in programma dal 28 al 30 gennaio, ma la moto definitiva si vedrà soltanto al primo Gran Premio del Qatar, solitamente un tracciato favorevole alla Rossa, chiamata quindi a suonare subito un primo campanello iridato.

Una piccola anticipazione arriva dal collaudatore pugliese Michele Pirro, che testerà la moto nei giorni precedenti al primo test alternandosi con Casey Stoner. “Che moto vedrete? Con una livrea diversa. Sul resto è presto, ma credo che abbiamo fatti passi avanti in tutte le aree – ha detto a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Aspettiamo i primi tre giorni in Malesia ma al debutto in Qatar mi aspetto due Ducati sul podio”. Viceversa a risuonare non sarebbe il campanello iridato, ma un primo campanello d’allarme…

L.C.