CONDIVIDI
Ducati – Paolo Ciabatti (Getty Images)

Ieri non è stata di certo una giornata da ricordare per Ducati. Le cose anzi sono andate nel peggiore dei modi. Come se non bastassero le due moto finite nella ghiaia a peggiorare la giornata dei vertici della Rossa anche il siparietto ai box nei confronti di Jorge Lorenzo, con il muretto che ha chiesto più volte allo spagnolo di lasciare passare Dovizioso, senza però trovare riscontri nella pratica.

A parlare per Ducati a fine gara, come riportato da “Speedweek”, è il direttore sportivo Paolo Ciabatti che ha così dichiarato: “Noi possiamo solo formulare raccomandazioni ai piloti in base a quello che vediamo dai box. I driver poi possono avere una visione diversa. Dopo abbiamo parlato con Andrea e ci ha detto che all’inizio era più veloce, ma che poi Jorge gli ha dato una mano con le traiettorie”.

Dovizioso aiutato da Lorenzo

I ds Ducati ha poi continuato: “Jorge ci ha detto che la sua intenzione era quella di tirare Dovi sino al gruppo di testa e poi lasciarlo andare. Se un pilota come Lorenzo ha la sensazione di poter chiudere il gap con quelli davanti è comprensibile che non segua i nostri dettami. Non ce l’ho con lui, sarei stato sconvolto se Marquez fosse caduto e avesse vinto Jorge, ma non è stato così. Naturalmente il pilota sa davvero cosa sta accadendo in pista”.

Ciabatti si è quindi detto soddisfatto del comportamento dei propri piloti. Poi ha concluso: “Avremmo avuto una possibilità solo se Marc fosse caduto, tutto il resto è superfluo. Marquez comunque ha meritato questo titolo. Ci dispiace solo per qualche uscita a vuoto che poteva essere evitata come l’Argentina e l’Australia, magari con meno punti di distacco qui a Valencia sarebbe stato diverso”.

Antonio Russo