CONDIVIDI
Chaz Davies cade a Phillip Island
Chaz Davies (©Getty Images)

Ducati inizia il Mondiale Superbike 2018 da leader. Doppia vittoria per Marco Melandri, un podio per Chaz Davies al sabato, dopo una Gara2 sfortunata e una manovra azzardata dopo il cambio moto. Il gallese rimedia una caduta al 12esimo giro in curva 9, nel tentativo di scavare un gap maggiore dagli inseguitori, mentre era in testa al gruppo, opacizzando un po’ il fantastico week-end del team Aruba.it Racing.

Marco Melandri ottiene una vittoria rocambolesca ottenuta in volata per soli 21 millesimi, che fa di lui l’italiano più vincente di sempre nella storia delle derivate di serie, con 22 successi all’attivo. Chaz Davies, invece, commette un errore e lascia Phillip Island con un magro bottino di 16 punti. Ma il gallese ha dimostrato di avere un buon potenziale e di poter dire la sua già dal prossimo Gran Premio in Thailandia tra un mese. Due volti di una medaglia che quest’anno potrebbe essere d’oro.

“Onestamente, mi sentivo a posto e forse avevamo anche del margine nella prima metà di gara. Poi, dopo il cambio gomme, pensavo che avremmo comunque potuto giocarci la vittoria – ha raccontato il gallese -. Credo sia la prima volta che ho spinto così forte con gomme nuove, solitamente non usciamo dai box dando subito il 100%, quindi forse abbiamo leggermente esagerato e commesso un errore, anche se ero già ben dentro la curva quando ho perso l’anteriore. Quest’anno ci saranno diversi piloti in grado di lottare per il podio, come abbiamo visto qui, quindi sarà interessante. Ci riprenderemo – ha assicurato Chaz Davies – e saremo pronti a lottare nuovamente a Buriram”.

Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista, sottolinea l’ottimo lavoro di squadra e il pit stop perfetto che ha riportato i due alfieri in testa dopo il cambio moto all’11esimo giro. “Avevamo lavorato molto in funzione del rendimento delle gomme sulla lunga distanza, ma siamo riusciti ad essere competitivi anche con il pit-stop. Marco ha fatto ancora una volta una gara straordinaria, mentre Chaz è stato sfortunato perché avrebbe potuto giocarsi la vittoria, ma siamo sicuri che si rifarà presto. Siamo contenti delle prestazioni evidenziate qui in Australia, che ci motivano a lavorare ancora più duramente a casa per mettere sia Marco che Chaz in condizione di esprimersi al meglio”.