CONDIVIDI
Casey Stoner (Getty Images)

Casey Stoner ha salutato il mondo delle moto nel 2012 con uno score notevole: 2 titoli mondiali, 45 vittorie, 89 podi e 43 pole. Spesso si è ventilato di un suo possibile ritorno, ma l’australiano ha sempre glissato sull’argomento facendo capire di non essere intenzionato a ritornare.

Proprio qualche giorno fa Casey Stoner aveva affermato di aver avuto un paio di occasioni per risalire in moto. Come riportato da “Motorsport.com”, l’australiano parlando di Yamaha ha così affermato: “Guardando dall’esterno è difficile capire i problemi che hanno avuto loro. Maverick aveva cominciato benissimo, ma dopo un paio di cadute è facile perdere la fiducia. Sicuramente la colpa della mancata crescita è da attribuire comunque ai due piloti, uno non passa dall’essere competitivo ad avere difficoltà ad entrare nella top 10 solo per colpa della moto, le cause sono altre”.

Casey è contento della propria vita

L’australiano ha poi proseguito: “Possono tirare fuori varie scuse, ma la moto secondo me non è molto cambiata durante la stagione. Quando i piloti del Team Tech3 l’hanno provata non hanno riscontrato gli stessi problemi. Penso sia stata una questione di piloti”.

Casey Stoner ha poi lanciato il fendente che non ti aspetti: “Dicono che il livello sta salendo, ma per me se torno dopo 4 anni di ritiro e faccio tempi simili ai migliori vuol dire che non c’è stata poi tutta questa crescita. Alla fine Dovizioso, Lorenzo e Pedrosa con i quali correvo sono ancora lì a vincere”.

Il Canguro Mannaro ha poi svelato il segreto per battere Marquez: “Io riesco a fare gli stessi tempi prendendo meno rischi. credo che ci sia un modo per batterlo senza rischiare troppo. Marc ha il suo stile, il modo in cui sente che gli sta per partire l’anteriore e riprende la moto non l’ho mai visto fare a nessuno”.

Casey Stoner si è detto molto contento della vita che fa e orgoglioso di fare il collaudatore. Infine su Valentino Rossi ha affermato: “Se si diverte ed è competitivo non vedo perché debba smettere. Rappresenta ancora un’ottima opzione per un team ufficiale e porta un grande valore al campionato”.

Antonio Russo