CONDIVIDI
Casey Stoner (©Getty Images)

Dopo due giorni di prove con la Ducati Desmoseidici Casey Stoner si è fermato ai box per guardare da vicino lo sviluppo della GP18. Prima di ripartire per l’Australia ha voluto ascoltare le opinioni di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, certo che la Rossa di Borgo Panigale ha fatto ulteriori passi avanti rispetto alla GP17.

Un ottimismo che lascia ben presagire se si considera che l’ex campione non è un ottimista per natura. “Sono sicuro che abbiamo fatto progressi sulla nuova Ducati, mi sono anche occupato di un set up utile durante il mio test, che fa parte del mio lavoro. Sfortunatamente, ha piovuto molto nei tre giorni”.

Non c’è stato abbastanza tempo per saltare in sella al nuovo prototipo e ha potuto solo testare alcuni aggiornamenti sulla Desmosedici dell’anno scorso, prima di passare il lavoro nelle mani di Michele Pirro. Non è tutto oro quel che luccica e bisogna sottolineare come siano emersi anche dei punti deboli su cui bisogna lavorare nel minor tempo possibile. “Dobbiamo trovare un equilibrio migliore per la nuova moto durante i test invernali”, afferma Casey Stoner.

In attesa di una soluzione è necessario fare leva sui punti forti, la potenza del motore e la velocità sul rettilineo: “Anche con questo telaio è difficile mantenere alta la velocità in curva. Ecco perché Jorge ha avuto problemi in qualche pista l’anno scorso. Era diverso con Dovi. Per la prima volta ha seguito una diversa direzione nel set-up rispetto alla maggior parte degli altri piloti Ducati, il suo stile ha qualche somiglianza con il mio. Le sei vittorie della scorsa stagione dimostrano che ha visto giusto. Spero che potremo dargli una bici ancora migliore per il 2018”.

Nessun ritorno in MotoGP

Rivedere l’australiano in pista lascia sempre una porta aperta ai sogni dei tifosi che vorrebbero rivederlo in pista con un clamoroso ritorno. Ma ancora una volta Stoner chiude le porte ad ogni speranza: “Mi piace la mia vita come è progettata ora. Preferisco fare due o tre test l’anno. Mi piace ancora guidare con passione le moto con una macchina da GP. Non vedo l’ora di effettuare un test. Ma sono anche felice di poter partire e tornare sulla Gold Coast”.

Casey Stoner si è anche astenuto dall’idea di passare alle corse automobilistiche. “Ho partecipato a sette gare automobilistiche V8 in Australia nel 2013 dopo le mie dimissioni in MotoGP. Non mi piacciono molto le macchine. Ho avuto molto più lavoro del previsto con questi eventi e hanno anche richiesto un sacco di eventi mediatici. Volevo avere una vita molto tranquilla dopo la stagione 2012 e godermi la mia giovane famiglia. E quando le cose non sono andate bene nella gara automobilistica, i media mi hanno immediatamente attaccato di nuovo. Non era per me. Ma non escludo che un giorno gareggerò in altre serie di corse automobilistiche”.