CONDIVIDI
Casey Stoner (Getty Images)

Casey Stoner in questi anni si è visto davvero molto poco nel paddock, ma la speranza di rivederlo in gara da parte dei fan è sempre tanta. Il pilota australiano nelle stagioni in MotoGP ha dimostrato di essere un rider di grandissimo valore. In particolare ha emozionato il suo modo di guidare così anti-conformista, sempre appeso alla moto.

I recenti test avevano riacceso l’emozione di rivederlo in moto. Casey Stoner, infatti, da un po’ di tempo ormai svolge funzione di tester in Ducati. L’australiano anche questa volta non ha perso occasione per dimostrare il suo immenso talento girando subito su tempi notevoli.

Stoner contento della sua nuova vita

Come riportato da “La Stampa”, Casey Stoner in merito al suo impegno in MotoGP ha così dichiarato: “Nell’ultimo anno ho fatto un’altra figlia. Non farò un maschio, per me 2 è il numero perfetto. Lo so che tutti vorrebbero un mio ritorno, ma non ci sarà. A me piacciono le gare, ma non quello che c’è intorno”.

Sui motivi che l’hanno spinto al ritiro poi continua: “Troppi impegni, io volevo stare un po’ tranquillo. Ora posso comunque guidare queste fantastiche moto e poi svegliarmi nel mio letto. Ho avuto dei dolori muscolari terribili dopo i test. Per me è semplice essere sin da subito veloce, è questione di DNA. Togliere però gli ultimi decimi è tutto un altro discorso”.

Casey Stoner ha poi proseguito: “Ora per fare questo lavoro devo guidare all’80% delle mie possibilità. La moto è migliorata molto. Prima dovevi lottare con lei, ora, invece, segue i tuoi comandi. Sistemati alcuni dettagli Dovi sarà ancora più competitivo. Lui nel 2017 è andato dritto per la sua strada senza farsi influenzare, in fondo era anche il mio stile quando correvo”.

Antonio Russo

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori