CONDIVIDI
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

Honda ha già fissato il primo paletto con la firma di Marc Marquez. Yamaha ha fatto altrettanto con il rinnovo di Maverick Vinales nel giorno della presentazione ufficiale. In Ducati ancora nulla si muove dal punto di vista contrattuale. Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, dopo i test invernali, hanno confermato il trend 2017: il forlivese sembra l’avanguardia della Casa di Borgo Panigale, il maiorchino arranca alle sue spalle.

Dopo l’addio dello sponsor TIM la Ducati deve fare i conti anche con un budget economico ridotto rispetto all’anno scorso. Lorenzo non potrà certo contare sui 12,5 milioni l’anno incassati nell’ultimo biennio e potrebbe addirittura vedersi dimezzato l’ingaggio facendo buon viso a cattivo gioco, perchè alternative valide non ce ne sarebbero per il 2019. Viceversa l’ex Yamaha potrebbe cambiare aria, dopo le dichiarazioni polemiche degli ultimi giorni.

“Lorenzo è un po’ nel pallone – ha ammesso Carlo Pernat a ‘Paddock’ -. Fra tre o quattro GP Ducati sceglierà Dovizioso come prima guida e vedo un divorzio Lorenzo-Ducati perchè dovrebbe accontentarsi della metà di quello che riceve… I soldi spesi su Lorenzo sono stati impiegati per sviluppare il telaio che adesso è molto simile a quello della Yamaha. Il problema è che adesso Lorenzo sta abiurando questo telaio e sta trattando la moto vecchia. L’investimento è stato fatto per avere informazioni sulla ciclistica della Yamaha sperando che poi Lorenzo facesse il risultato. Adesso la Ducati è una signora moto, il problema  è che Lorenzo ha dato indicazioni, non ha sviluppato la moto, e nonostante tutto questa moto non gli piace. O c’è un problema mentale o c’è qualcosa che non funziona… E’ un campione ma è molto fragile di testa, altrimenti non si spiegano certe gare da primo posto e altre da 15esimo. Ha dichiarato che questa non è la sua moto e che stava meglio in Yamaha, non voglio dire che sia pazzo, ma è ondivago”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori