CONDIVIDI
Aleix Espargaro

C’è gran fermento in attesa del prossimo test MotoGP in Thailandia, una pista che a molti piloti non piace. Già diversi mesi fa Valentino Rossi avanzò qualche dubbio: “E’ una pista noiosa, praticamente ci sono poche curve e un lungo rettilineo, tutto qui. Neanche il posto è bello, è lontano da tutto”.

Polemiche a parte… Nuovo tracciato, prototipi da sviluppare e la febbre dei tempi che incalza in attesa della grande partenza in Qatar. Nel box Aprilia si attende il nuovo motore che probabilmente esordirà solo nell’ultimo test a Losail. La casa di Noale procede a passi felpati dal momento che non avrà il congelamento del motore per tutto il 2018.

Sul Chang International Circuit di Buriram le gomme della classe regina attecchiscono per la prima volta. Dopo le prime favorevoli impressioni di Sepang Aleix Espargaró e Scott Redding cercano conferme in sella alla nuova RS-GP e proseguiranno il lavoro in vista del primo Gran premio stagionale.

“La pista mi è sembrata un po’ strana, con molti rettilinei, ma sono fiducioso che avremo un buon test – ha dichiarato Aleix Espargaro -. Per noi è fondamentale soprattutto provare la nuova RS-GP su un diverso circuito per avere la maggior parte delle informazioni possibili e continuare a migliorarlo prima dell’inizio della stagione”.

Scott Redding invece dovrà trovare il miglior feeling con l’Aprilia e il tracciato thailandese rappresenta un buon banco di prova per misurare il potenziale pilota-moto. “Questo sarà sicuramente un test interessante su una pista che è nuova per tutti. Ci saranno due obiettivi: trovare un buon feeling in vista della gara e continuare a sviluppare la nuova moto – ha spiegato il britannico -. Ci sono alcune cose che voglio controllare dopo Sepang e alcuni altri aspetti che sperimenteremo, mi piace intraprendere un nuovo circuito, è emozionante, alla fine dei tre giorni avremo un’idea più chiara di dove siamo”.

L.C.