CONDIVIDI
Maverick Vinales ad Austin (©Getty Images)

Maverick Viñales perde la fama di pilota invincibile e cede la leadership a Valentino Rossi. Al secondo giro del GP di Austin finisce sull’asfalto del COTA, apparentemente senza motivo, in un settore dove si sentiva veloce sin dal venerdì. “Una caduta che assomiglia a quella di Marquez in Argentina”, si è giustificato il pilota di Sabadell.

La sfortuna di Maverick probabilmente risiede nella gomma anteriore, la M1 ha perso aderenza e si è ritrovato fuori dai giochi. “E’ stato un incidente strano, era la stessa curva, inclinazione simile. Un pneumatico che non va come un altro, a volte succede. Aveva meno grip rispetto al normale pneumatico anteriore. E’ stato un weekend fantastico, potevamo lottare per la vittoria, quindi dobbiamo rialzarci e continuare a dare il 100% come prima. Dobbiamo arrivare preparati a Jerez”.

Vinales si è giocato il suo “jolly” stagionale, non saranno ammessi altri errori nella corsa al titolo iridato. Per adesso il Dottore mette la freccia e sorpassa in classifica. “Mi congratulo con Valentino, ha fatto una gara molto intelligente senza rischiare troppo e soprattutto Marc con un week-end incredibile. Mi dispiace per la mia squadra di aver perso in Texas. Abbiamo bisogno di premere il pulsante di ri-set e ricominciare. Sappiamo che siamo in grado di vincere le gare. Sono ancora il secondo classificato della Coppa del Mondo, solo sei punti dietro Valentino. Dobbiamo rimanere concentrati, anche più di prima”.

Perdere punti così è una botta nello stomaco per Maverick Vinales. Dalla telemetria non sono arrivate spiegazioni e non c’è nulla di più fastidioso nel non capire il motivo della caduta. “Se avessi fatto un errore perché volevo prendere Marc, la caduta sarebbe comprensibile. Ma andavo relativamente lento. Abbiamo sprecato punti. Non sono mai caduto in tutta la mia vita in questo modo. Pertanto, sono convinto che sia colpa mia”. Ora il pensiero è già ben fisso a Jerez.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori