CONDIVIDI
Ivano Beggio
Ivano Beggio (foto Aprilia)

Il mondo del motociclismo, in particolare Aprilia, piange la morte di Ivano Beggio. A 73 anni, dopo una lunga malattia, lo storico presidente della casa di Noale e scomparso nella scorsa notte nella sua casa di Asolo (Treviso).

E’ rimasto ai vertici dell’azienda veneta fino al 2006, dopo averla portata in alto e aver ceduto al gruppo Piaggio nel 2004. Negli anni Settanta subentrò al padre Alberto (fondatore) nella gestione dell’Aprilia, che allora era ancora una piccola fabbrica artigianale a Noale. Ivano Beggio la trasformò in quella che ora è un famoso produttore di motociclette e scooter. E con lui sono arrivati anche i successi nel Motomondiale. Vittorie, podi e titoli vinti nelle classi 125 e 250.

In sella all’Aprilia vinsero piloti come Loris Capirossi, Max Biaggi, Valentino Rossi e Marco Melandri. Giusto per fare alcuni nomi, ma ce ne sono pure altri. Nel 1998 fu insignito dell’onorificenza di ‘Cavaliere del Lavoro’. Nella motivazione si poteva leggere che aveva portato l’Aprilia a “elevatissimi livelli di innovazione tecnologico-produttiva. L’azienda è passata da un fatturato di 7 miliardi di lire del 1982 agli oltre 970 del 1997. Dai 50mila motoveicoli prodotti nel 1991 al 290mila del 1997 dei quali il 45% destinati all’export. Le moto con il marchio Aprilia si sono aggiudicate 9 campionati del mondo, con più di 70 vittorie nei gran Premi, confrontandosi con i colossi dell’industria motoristica giapponese”.

Lo ricorda anche il campione del mondo Max Biaggi, che con Ivano Beggio e l’Aprilia ha iniziato la sua brillante carriera nel 1992: “Ivano Beggio è stato parte della mia vita sportiva, una specie di padre nel racing. Mi ha dato fiducia e una moto competitiva quando dopo l’europeo vinto sempre su Aprilia, ero poco più che un ragazzino. La sua fu una scelta coraggiosa ma anche intelligente. E sono questi due aspetti che ricordo con più chiarezza di Ivano Beggio, il saper mettere tanta passione a servizio delle sue capacità, così da trovare sempre la forza e le energie per un passo in più. Anche da questo sono arrivate le mie tante vittorie con Aprilia”.

Dopo la morte improvvisa di Ralf Waldmann, ex pilota e rivale di Biaggi in 250, il mondo del motociclismo deve dire addio anche a Ivano Beggio. Le nostre sentite condoglianze alla famiglia, ai suoi cari e all’Aprilia per la scomparsa del 73enne imprenditore.