CONDIVIDI
Aleix Espargaro (©Getty Images)

Aprilia ha iniziato la stagione 2017 di MotoGP con la sesta posizione di Aleix Esparagaró in Qatar. La casa di Noale sembrava aver fatto il gran passo di qualità, ma le buone sensazioni non sono durate a lungo.

I tecnici italiani non sono riusciti a sviluppare il motore della RS-GP nel corso della stagione, complice anche la cattiva annata di Sam Lowes, mai in grado di chiudere nella top-10. E’ andata molto meglio ad Aleix Espargaro, due volte 6°, sette volte tra i primi dieci, con ottimi spunti nelle libere e nelle qualifiche.

Il boss di Aprilia Romano Albesiano ammette che il quoziente punti 2017 dovrebbe lasciarlo “depresso”. Ma è anche vero che una serie di cadute e infortuni hanno ostacolato gli sforzi di Espargaro. Aprilia Racing ha chiuso la stagione con 64 punti nella classifica costruttori, fanalino di coda superato anche dall’esordiente KTM. “Sicuramente è stata una stagione positiva dal punto di vista delle prestazioni”, ha detto Albesiano ad ‘Autosport’. “Abbiamo raggiunto un livello che non ci aspettavamo. Se guardiamo ai punti che abbiamo segnato dovremmo essere davvero depressi, ma se guardi dall’altra parte, possiamo essere molto felici. Uno dei lati del box era molto forte, un lato non lo era”.

Non è un caso che la casa di Noale abbia deciso di dimettere il britannico Sam Lowes optando per il più esperto Scott Redding, a sua volta in cerca di riscatto. “Abbiamo avuto una prestazione fantastica quest’anno da Aleix, ma purtroppo non abbiamo avuto la stessa da Sam. Dal punto di vista dello sviluppo della moto siamo molto contenti, abbiamo dimostrato chiaramente che la moto è in grado di combattere con le migliori… Sentiamo di essere abbastanza pronti da un punto di vista tecnico. Dobbiamo essere più coerenti, dobbiamo fare meno errori, dalla nostra parte, ma anche il pilota deve essere più coerente. È così che ci sentiamo – ha concluso Romano Albesiano -: molto felici e molto positivi per la prossima stagione”.