CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Getty Images

MotoGP, Andrea Dovizioso su Ducati-Lorenzo: “Se dicessi cosa penso sarebbe un bel casino”.

Andrea Dovizioso conquista il pubblico di Misano con una vittoria senza se e senza ma. Sono bastati pochi giri per mettersi in testa al gruppo e agguantare la terza vittoria stagionale e il secondo posto in classifica. Non basterà per puntare al titolo mondiale, ma Ducati ha dimostrato di avere la moto più competitiva del momento.

Il forlivese non aveva mai vinto a San Marino, sfata un altro tabù e si erge ad anti Marquez. “Sono entrato in trance con la mia moto. Potevo forzare, rispondevo quando gli altri provavano a spingere, avevo le mie carte da giocare. È stato bellissimo”, ha detto a ‘La Gazzetta dello Sport’. La pole di Jorge Lorenzo aveva fatto presagire una gara di rincorsa, invece il compagno di squadra non è riuscito a spingere in modalità martillo. “Sapevo che avrebbe provato a scappare, però non spingeva così forte. Quando l’ho passato non avevo idea di cosa fare, era per togliermi dalla sua scia calda che mi rovinava la gomma. A quel punto mi sono messo a giocare, provavo a capire quanto ne avessero, spingevo e rallentavo senza rischiare. Quando Jorge ha provato a prendermi, sono tornato a spingere forte e lo stesso giro lui è caduto”.

La vittoria di Misano (qui Ducati non vinceva dal 2007) scaccia via una certa nostalgia per l’addio di Jorge Lorenzo. Ma DesmoDovi preferisce sorvolare su questo argomento: “Se dicessi davvero quel che penso verrebbe fuori un bel casino. Divertiamoci e guardiamo avanti, senza sollevare polveroni… La gente mi ha visto e considerato in un certo modo troppi anni, mentre il fatto che Lorenzo si sia adattato e abbia vinto con una moto diversa è considerato un exploit. Io sinceramente me ne sbatto, però lottare contro Lorenzo e Marquez è tosto”.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.