CONDIVIDI
Andrea Dovizioso (Getty Images)

MotoGP | Andrea Dovizioso attende la proposta Ducati

Andrea Dovizioso ha cominciato questa nuova stagione di MotoGP subito con una grandissima prestazione. Il pilota della Ducati, infatti, in Qatar dopo una lunga rincorsa è riuscito a trionfare davanti a Marquez e Valentino Rossi. L’italiano per vincere il GP però ha dovuto resistere ad un ultimo attacco da parte del rider dell’HRC che lo ha messo in grande difficoltà all’ultima curva.

A dispetto di qualche assurda insinuazione Andrea Dovizioso ha dimostrato ancora una volta di essere diventato finalmente un big della MotoGP. Il rider della Ducati, forte di una moto che sembra davvero molto buona quest’anno può puntare seriamente al titolo mondiale.

Dovi entusiasta del successo in Qatar

Andrea Dovizioso in conferenza ha così parlato della stagione scorsa: “Dopo la buona stagione scorsa, il fatto che abbia potuto subito confermare la mia velocità nella prima gara è stato molto importante. Soprattutto per il modo in cui ho vinto. Anche in passato abbiamo lottato per la vittoria in Qatar, ma non era così, questa volta abbiamo dovuto risalire dalle retrovie”.

il rider della Ducati ha poi proseguito: “Per me è stato estremamente importante vincere in questo modo. Queste ultime 2 settimane sono state molto belle. Mi sono potuto allenare bene, davvero rilassato. Sarà importante nel prosieguo vedere il livello nostro e dei nostri avversari, il campionato è lungo e dovremo aspettare”.

Andrea Dovizioso ha anche parlato del suo rapporto con la pista argentina: “Il mio rapporto con questa pista è molto strano, il primo anno è stato positivo, il secondo anno pessimo poi ho avuto risultati altalenanti. La nostra moto però è migliore rispetto all’anno scorso, quindi mi aspetto di fare una buona prestazione”.

L’alfiere della Ducati ha anche parlato del suo rinnovo di contratto: “Quando avrò una proposta la valuterò. Penso che è 1 anno e mezzo che sto avendo problemi in partenza. In Qatar ho dovuto chiudere il gas per non beccare Rins“.

Antonio Russo