CONDIVIDI
Andrea Dovizioso (photo Twitter)

Sul circuito di Jerez de la Frontera si è conclusa la sessione di test per Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. Poche le novità al vaglio del team di Borgo Panigale che ha testato anche nuove soluzioni di pneumatici messe a disposizione dalla Michelin.

Dovizioso ha portato a termine 84 giri, ottenendo il miglior tempo in 1’37”663, mentre Lorenzo ha compiuto 99 giri, con il miglior crono di 1’37”921. Dopo la pausa invernale obbligatoria di quasi due mesi, i piloti del Ducati Team torneranno in pista nei test ufficiali MotoGP in programma a Sepang dal 28 al 30 gennaio 2018. Solo allora vedremo il prototipo quasi definitivo della Desmosedici.

Jerez serviva soprattutto per raccogliere dati su cui lavorare per lo sviluppo della nuova moto. Il primo posto nella seconda giornata di test non ha molto significato. Il problema principale è la percorrenza in curva e i tecnici della Rossa ci stanno lavorando da tempo. Serve una moto più agile per essere competitivi su ogni circuito e non impantanarsi in tracciati in stile Phillip Island.

“Abbiamo provato alcune cose per sistemare tutto per la moto 2018. Ma non avevamo molte parti nuove – ha dichiarato Andrea Dovizioso -. Ma è stato bello testare a Jerez, perché l’asfalto è nuovo, la pista è cambiata molto. Ora puoi guidare molto più velocemente qui. Il mio tempo sul giro è stato davvero buono. È stato bello guidare qui in queste condizioni. Ma a parte questo, non c’era nulla di veramente importante. Solo alcuni test di confronto. Ora inizia la pausa invernale”.

Il limite della Desmosedici per il momento resta irrisolto. Tutto è nelle mani dello stratega Gigi Dall’Igna che pare sia orientato a progettare un nuovo telaio da tempo richiesto a gran voce da Jorge Lorenzo. “Siamo stati in grado di migliorare un po’ – ha aggiunto il Dovi -, ma non abbiamo modificato il nostro limite, la svolta. Dobbiamo concentrarci su questo ora. A parte questo, la nostra base è buona, a seconda del tracciato. La nostra moto tratta delicatamente le gomme, l’elettronica è piuttosto buona. Ecco perché crediamo che la svolta sia il problema principale”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori