CONDIVIDI
Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

MotoGP | Andrea Dovizioso: “Lorenzo in Honda? Non vedo l’ora”.

Ad Andrea Dovizioso non mancherà Jorge Lorenzo in Ducati, a giudicare dalle dichiarazioni alla vigilia del GP di Catalunya. Con l’arrivo di Danilo Petrucci nel 2019 nel box si potrà lavorare in modo diverso, perchè con “il grande investimento che la Ducati ha fatto per Jorge Lorenzo” ci si è dovuti impegnare di più affinché il maiorchino si perfezionasse con il marchio di Borgo Panigale.

L’organizzazione subirà un miglioramento con l’arrivo di Petrux, visto che lui e Danilo sono due piloti “con un carattere più normale” e che “possono lavorare insieme”. Dardi nascosti o meno per Lorenzo, che nonostante non abbia detto direttamente di aver lavorato male in queste ultime due stagioni con lo spagnolo, ha lasciato le cose molto chiare senza sporcarsi le mani. Di conseguenza, quando gli è stato chiesto come la firma di Lorenzo da parte di Honda potesse influenzare Marquez, il forlivese è stato deciso: “Sono felice e non vedo l’ora che accada”.

Petrucci al posto di Lorenzo

Tra i due piloti c’è sempre stata molta diplomazia ma sotto sotto non è mai scorso buon sangue. “Non abbiamo avuto problemi, ma la Ducati, avendo investito così tanto sulla sua persona, ha dedicato molto a lui e ha dovuto lavorare in un modo diverso. Nel 2017 abbiamo giocato per il campionato, quindi non posso dire che non abbiamo lavorato bene l’anno scorso”, ha aggiunto Andrea Dovizioso. “Ma quando fai un investimento così importante, è normale che il tuo lavoro sia condizionato”.

L’arrivo di Danilo Petrucci non rischia di indebolire il team? “È normale che quando si è una squadra ufficiale, i team cercano sempre i migliori piloti sul mercato e i nomi più importanti, ma penso che possiamo essere più forti di quanto siamo sulla carta. Per molte ragioni. Perché conosciamo bene la Ducati, entrambi siamo personaggi normali, possiamo collaborare, possiamo parlare, possiamo lavorare insieme e insieme possiamo cercare qualcosa di importante. Questi sono piccoli dettagli che penso possano aiutarci a fare la differenza in futuro. Tuttavia, quando hai due piloti ‘Top’, lavori ma sei molto attento a ciò che fa il compagno di squadra, perché devi sempre stare in testa. E questa non è la nostra situazione (con Petrucci). Sono convinto che sia la mossa giusta”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori