CONDIVIDI
Andrea Dovizioso (Getty Images)

MotoGP | Andrea Dovizioso delinea le gerarchie di questa stagione

Andrea Dovizioso ha cominciato la stagione alla grande, mettendo subito a segno un’importante vittoria. Il pilota italiano dopo una partenza non certo esaltante ha cominciato a macinare giri veloci su giri veloci sopravanzando i rider che lo precedevano, sino ad arrivare nel gruppo di testa.

Il vero capolavoro di Andrea Dovizioso però è arrivato nell’ultimo giro del GP del Qatar, quando ha respinto magistralmente un ultimo, disperato attacco di Marc Marquez, che ha provato la grande staccata, ma alla fine è finito lungo riconsegnando la testa della corsa al Dovi, a pochi passi dal traguardo.

La nuova moto va forte

Come riportato da “Speedweek”, Andrea Dovizioso in merito al suo successo ha così dichiarato: “La nostra moto ha funzionato meglio in Qatar rispetto all’anno scorso. Nel 2017 ero 2°, ma quest’anno la moto era ancora più potente. All’inizio non ho corso alcun rischio e mi sono occupato delle gomme. Il più delle volte non ero così vicino al pilota prima di me perché non era necessario. Potevo prendere ogni decisione in maniera rilassata”.

Il rider della Ducati ha poi proseguito: “Il Qatar è sempre una gara strana, è la prima gara e tutto è straordinario, l’usura della posteriore è forte. Tuttavia i rider al top sono sempre gli stessi. Credo che dal GP del Qatar si capisca chi sarà in testa nella stagione 2018. Ci sono 5-6 piloti che non hanno lottato per la vittoria, ma lo faranno per il titolo”.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori