CONDIVIDI
Alvaro Bautista
Getty Images

Alvaro Bautista fuori dalla MotoGP dalla stagione 2019?

Alvaro Bautista ha portato la sua Ducati di un anno fa a 5,5 secondi dalla vittoria, a 3 secondi dal podio, nella domenica del MotoGP tedesco. Questa performance, che lo ha visto anche battere i piloti del team factory Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, e un posto dietro a Danilo Petrucci di Pramac, è arrivata subito dopo un’altra grande gara ad Assen, dove Bautista ha chiuso a 7.5 secondi dal vincitore Marc Marquez .

Eppure sembra già troppo tardi per salvare la carriera di Bautista in MotoGP. Inizialmente ha faticato ad adattarsi alla GP17 durante i test invernali e le prime gare, utilizzando il set di riferimento “Ducati”. I cambiamenti radicali al quarto round, Jerez, hanno iniziato la trasformazione, ma ormai erano già stati decisi molti sedili del 2019. E a partire dal Sachsenring, con più di metà della stagione ormai alle spalle, quasi tutti i posti sembrano decisi.

Supponendo che Marc VDS stia chiudendo le porte della MotoGP e Takaaki Nakagami si fermerà a LCR, gli unici team ancora ad annunciare la formazione pilota del prossimo anno sono SIC Yamaha e Avintia Ducati. Il primo sembra puntare su Franco Morbidelli e Fabio Quartararo, mentre Avintia Ducati dovrebbe proseguire con Tito Rabat e Xavier Simeon, che ha firmato un accordo biennale fino alla fine del 2019, anche se il secondo anno potrebbe essere in dubbio a causa della mancanza di punti.

Anche così, sembra che Karel Abraham, il compagno di squadra ben finanziato di Bautista sia davanti a lui nella potenziale ascesa nel team Avintia. Tutto ciò lascia Bautista “senza moto per il prossimo anno” e legato a un possibile passaggio al campionato mondiale Superbike. “Sì, è una frustrazione, soprattutto perché nella terza gara tutto si è chiuso per tutti”, ha detto Alvaro Bautista delle prime decisioni contrattuali del 2019. “Quindi non hai la possibilità di mostrare il tuo potenziale. Nel nostro caso abbiamo sofferto molto all’inizio, nella pre-stagione e nelle prime gare, ma ora abbiamo il potenziale per lottare per il podio. Quindi per me, è troppo presto per stipulare il contratto nelle prime tre gare. Almeno bisognerebbe aspettare sette o otto gare. Ma ora dove posso andare? Sono un pilota top-5 senza moto per il prossimo anno”.