CONDIVIDI
Alberto Puig
Alberto Puig (©Getty Images)

MotoGP | Alberto Puig parla della trattativa tra Honda e Johann Zarco. Su Pedrosa regna ancora il mistero.

Alberto Puig, team manager Repsol Honda, riveste un ruolo chiave nel box. Dopo il rinnovo record di Marc Marquez adesso bisogna scegliere chi sarà il pilota da affiancargli: continuare con Dani Pedrosa o cercare una via alternativa? Si attendono risultati soddisfacenti dal veterano di Sabadell, ma è pur vero che HRC sta dialogando con altri piloti, Andrea Dovizioso compreso.

Il 51enne catalano ha trascorso quasi un’intera carriera al servizio della Honda, sia da pilota che come manager. Eredita un incarico detenuto perfettamente da Livio Suppo, è partito da un’ottima base tecnica, forse la migliore degli ultimi anni, il che ha agevolato il suo compito. “Posso dire che la moto è migliore rispetto all’anno scorso perché ha fatto un buon lavoro per qualche tempo – ha detto in un’intervista al ‘Marca’ -. Ci sono stati anni in cui nelle prime gare siamo stati chiaramente dietro”. Il primo obiettivo, convincere Marc Marquez a restare, è stato centrato. “Abbiamo lavorato molto bene su questo argomento con diligenza, velocità e, soprattutto, senza fare rumore. Era la priorità ed è stato raggiunto. Avere Marc nei ranghi della Honda, non abbiamo intenzione di mentire, è una garanzia. Ti dà la tranquillità nel tempo…”.

Puig e il retroscena sulla trattativa con Zarco

Alberto Puig sottolinea che Marquez non avrà influenza sulla decisione del secondo pilota, chiunque esso sia. Il campione di Cervera non ha nessuna intenzione di interferire nelle decisioni di vertice. “In questi anni ha ampiamente dimostrato ciò che vale in pista. Non credo che Marc sia un pilota che vuole più potere di ciò che gli compete. Ci sono piloti che vogliono estrapolare le loro abilità e raggiungere più angoli e non penso che sia il caso di Marc. Quello che vuole davvero è arrivare alla domenica e vincere, divertirsi e pensare alla domenica successiva”.

Il team manager ammette che un dialogo con Zarco era stato avviato, ma il francese della Tech3 ha preferito puntare su KTM. “Abbiamo parlato con il suo manager due o tre volte e abbiamo avuto una conversazione, sempre informale, su quello che stava per fare, è normale. E ricordo che mi disse che ci avrebbe risposto a Jerez per vedere se era interessato a parlare o no. A quanto pare, ha preso una decisione prima, quindi non posso fare a meno che augurargli buona fortuna e basta… Se avesse voluto parlare con la Honda, la Honda si sarebbe seduta per parlare con loro. Come faremo con altri piloti. Ma, per qualsiasi ragione, non lo ha ritenuto necessario perché l’opzione KTM gli offriva qualsiasi cosa… Se Zarco ha preso questa decisione è perché ritiene che con quella moto possa vincere la Coppa del Mondo”. Ma a che punto è l’eventuale rinnovo di Pedrosa? “Il problema è che abbiamo fatto solo tre gare, bisogna aspettare qualche altra gara. L’abbiamo detto all’inizio – ha concluso Alberto Puig – e resteremo su quella posizione”.