CONDIVIDI

Marc Marquez

MotoGP, Test Brno | 4 moto per Marc Marquez: “Lavoriamo anche per il futuro”.

Dopo aver concluso terzo domenica, il pilota della Repsol Honda Marc Márquez è stato il più veloce nel test MotoGP di lunedì a Brno. La Honda ha ha dato al leader del campionato mondiale quattro moto, tra cui un prototipo 2019. “Sono soddisfatto di questa giornata di test, ho guidato per un sacco di giri e provato molte cose. Honda aveva messo insieme un piano molto completo per me e ho iniziato a lavorare presto. Dalla seconda manche ho provato alcune cose. Abbiamo fatto un ottimo lavoro, perché abbiamo testato tutto ciò che era nel piano, tra cui alcune parti che voglio usare di nuovo al Red Bull Ring, perché a Brno hanno avuto un effetto molto positivo. È sempre una motivazione quando riceviamo nuove parti”. Márquez ha anche provato il nuovo pneumatico anteriore Michelin. “La Michelin fa un ottimo lavoro, perché stanno già lavorando per i prossimi anni. Ad essere onesti, a tutti noi non piaceva la nuova gomma, ma la Michelin vuole migliorare. Per questo devi consegnare cose nuove. A volte vanno bene a volte no”.

Marquez al lavoro sulla gomma anteriore

In merito alle quattro moto il fenomeno di Cervera non può entrare nei dettagli, ma di certo ha avuto modo di provare una RC213V ibrida con componenti del 2018 e altre del 2019: “Non posso dire tutto, ma come puoi vedere ho avuto quattro moto nei box. Nella mia moto attuale c’era un nuovo componente, perché dobbiamo stare meglio con la gomma anteriore. Poi ho provato una moto con una nuova geometria in relazione al telaio. Abbiamo anche lavorato per il futuro. Abbiamo provato alcune cose per questo e per la prossima stagione. Anche alla prova di Barcellona viaggiavo con una moto nera che non era completamente nuova. Il motore era lo stesso. Ma dobbiamo capire per il futuro perché gli altri costruttori possono guidare mescole più morbide usando sempre la gomma anteriore rigida. Ecco perché ho guidato alle 15 quando la temperatura dell’asfalto era di 55 gradi. Abbiamo anche lavorato sulla risposta dell’acceleratore”, ha aggiunto Marc Márquez. “Non so se questo si presenterà al GP d’Austria, ma siamo migliorati in tal senso. E abbiamo anche migliorato la velocità in curva e la frenata. Ma l’Austria è una pista diversa”.