CONDIVIDI
Marc Marquez (Getty Imnages)

Marc Marquez colleziona la 26esima caduta stagionale nel week-end più importante della stagione. Ricerca del limite o ansia da titolo iridato, fortunatamente non ha conseguenze lo scivolone nelle FP2 e il leader del mondiale può chiudere al quinto posto, a 0.603 secondi dal miglior tempo di Lorenzo e 0.294 secondi dietro il suo inseguitore Dovizioso.

Il venerdì di Valencia mette sicuramente adrenalina a questo GP decisivo per il titolo iridato. “Naturalmente speri sempre che l’ultima caduta sia l’ultima stagione – ha detto Marc Marquez -. Per qualche motivo questi incidenti avvengono regolarmente quest’anno… Cerco sempre di spingere, ma la situazione è spesso critica. Ma io sono veloce. Come ho detto: non farò a meno del mio stile questo fine settimana. Spingerò al limite nelle sessioni di prove e poi domenica provo gestire la gara in un modo diverso”.

“Al momento sono contento del mio lavoro, anche se la ruota anteriore è scivolata via. Oggi ho provato solo due pneumatici posteriori, il medio nella FP1 e quello morbido nel FP2. Quando sono caduto il pneumatico anteriore aveva già molti giri. Ma il ritmo era buono. Certo, non sono contento della caduta. Ma meglio oggi piuttosto che domenica”.

La priorità è portare a casa il titolo, poi in casa Honda ci sarà un bel da fare per risolvere il problema all’anteriore. “Dobbiamo migliorare in futuro. Non mi piace quando cado così tanto. Spesso le cascate si verificano inaspettatamente quest’anno. Questo è stato anche il caso della FP2 di oggi. Certo, stavo viaggiando velocemente. Ma ho frenato prima che nel giro precedente. Spero che il prossimo anno – ha concluso Marc Marquez -, con un’altra moto, con nuove parti, avremo un miglioramento”.