DBX, il primo SUV della Aston Martin

Al Salone di Ginevra 2009 Aston Martin ha presentato una concept car a quattro ruote motrici chiamata Lagonda, un crossover piuttosto sgraziato mai avviato alla produzione. Ma quell’esemplare è servito per seminare un’idea che prenderà forma nel 2020. Il produttore britannico ha dato gli ultimi ritocchi al suo primo modello crossover, chiamato per il momento con il nome in codice DBX, ma recentemente l’azienda ha anche registrato il marchio Varekai. (Per tutte le novità dal mondo auto LEGGI QUI)

Sicuramente i puristi amanti del marchio Aston Martin non saranno concordi con il design di questo modello, ma è anche vero che bisogna mettersi al passo con i tempi del mercato per rifocillare le casse. Anche Porsche ha effettuato un coraggioso salto prima di lanciare la Cayenne, ma attualmente sta incassando fiumi di soldi. La Aston Martin DBX presenterà una griglia frontale come quella già presentata sull’ultimo Vantage, fari sottili e sportivi, parafanghi pompati, fiancate laterali scolpite, luci posteriori a led eleganti e doppi scarichi completano il look posteriore.

Aston Martin DBX: motore e concorrenza

Al momento del lancio, ci si aspetta il V8 biturbo da 4,0 litri con motore AMG, che si trova sotto il cofano di Vantage e DB11. Questo motore eroga una coppia di 503 cavalli e una coppia di 685 Nm abbinati a una trasmissione automatica ZF a otto velocità. In un secondo momento, sarà offerto anche il V-12 twin-turbo di Aston. Le varianti di livello iniziale potevano usare unità di sei cilindri da Mercedes-Benz , accoppiate con un sistema ibrido di 48 volt. Un modello completamente elettrico può anche entrare in auge dopo il lancio.

Sarà dotato certamente di un sistema di trazione integrale, sospensioni pneumatiche e una nuova piattaforma in alluminio. L’incursione di Aston nel mercato dei SUV di lusso la vedrà competere con Levante di Maserati, Porsche Cayenne, Bentley Bentayga, Ferrari Purosange, Alfa Romeo Stelvi , Jaguar F-Pace e Lamborghini Urus . Aspettiamoci una presentazione ufficiale nel 2019 con vendite che inizieranno in Europa nello stesso anno e dal 2020 in America del Nord.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori