CONDIVIDI
Zen Circus
Andrea Appino, frontman degli Zen Circus (foto dal web)

A Sanremo 2019 presenti anche gli Zen Circus con la canzone ‘L’amore è una dittatura’: tutto quello che c’è da sapere sul gruppo musicale

Sanremo 2019 sta ormai per partire: 15 giorni all’inizio del Festival della canzone italiana. Edizione che si annuncia molto interessante. Sul palco dell’Ariston, tra i 24 artisti in gara, anche novità succose come l’approdo degli Zen Circus. E’ la prima partecipazione per il gruppo punk rock, che però può contare già più di 20 anni di attività sulla scena musicale italiana. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Sanremo 2019, Zen Circus: la carriera del gruppo

Gli albori del gruppo nel 1994, quando a Pisa i 16enni Andrea Appino (chitarra e voce) e Marcello Bruzzi detto ‘teschio’ (batteria) decidono di formare un gruppo punk rock. Dopo aver registrato due demo, il debutto ufficiale nel 1998 con il nome di The Zen, insieme a un altro componente, Emiliano Valente detto ‘Fufù’ (bassista). Il primo album autoprodotto si intitola ‘About Thieves, Farmers, Tramps and Policemen’. Al primo album ne seguirà un secondo, con la creazione di una propria etichetta discografica, la ‘Iceforeveryone Records’. Nel 2000, Bruzzi convince Appino a coinvolgere anche Massimiliano Schiavelli detto ‘Ufo’ (chitarrista). Il gruppo assume quindi il nome definitivo di The Zen Circus. Nome derivato da ‘Zen Arcade’ e ‘Metal Circus’, lavori del gruppo Husker Du.

‘Visited by the Ghost of Blind Willie Lemon Juice Namington IV’ è il primo disco, del 2001, mentre lasciano prima Valente, nel 2000, quindi Bruzzi nel 2003, rimpiazzato da Karim Qqru. Seguono gli album ‘Doctor Seduction’ del 2004, che li lancia verso il successo, quindi ‘Vita e opinioni di Nello Scarpellini, gentiluomo’, nel 2005, con le prime canzoni in italiano. Nel 2007-2008 collabora con il gruppo il bassista Brian Ritchie, della band Violent Femmes, al disco ‘Villa Inferno’. Nel 2009 il primo disco cantato completamente in italiano, ‘Andate tutti aff…lo’, quindi la collaborazione al progetto ‘Il paese è reale’ con Manuel Agnelli degli Afterhours. Fino ai giorni nostri, arrivano altri quattro album. ‘Nati per subire’ (2011), ‘Canzoni contro la natura’ (2014), ‘La terza guerra mondiale’ (2016) e ‘Il fuoco in una stanza’ (2018). Nel frattempo, nel 2016, entra a far parte del gruppo Francesco Pellegrini, detto ‘Il maestro’. Quindi, l’annuncio della partecipazione a Sanremo il mese scorso. Grande curiosità per scoprire il loro impatto.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori