CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

 

Stava seguendo, come tanti, tantissimi fan di Valentino Rossi, la gara d’esordio del Motomondiale 2015 in Qatar di domenica scorsa nel Bar Caffè Turismo di San Giovanni in Marignano (Rimini). Quando il Dottore è passato dal terzo al secondo posto, però, il suo cuore non è riuscito a reggere l’emozione ed è stato colpito da un infarto. Protagonista un uomo di 70 anni, tale Bruno, che si è salvato solo grazie al tempestivo intervento di due “angeli” presenti sul posto, all’anagrafe Massimo Luppoli, 46 anni, e Gabriele Giovannini, 52 anni.

 

Un’emozione troppo forte

A raccontare la vicenda è il signor Luppoli, titolare del bar in questione, le cui parole sono riportate dal Resto del Carlino. “Bruno, che è qui di San Giovanni, era nel nostro bar con tanta altra gente, per vedere la gara di MotoGp, con Rossi che andava benissimo e ormai stava vincendo”, dice. Poi, “nel momento in cui Valentino Rossi è passato dal terzo al secondo posto”, l’uomo che fino a quel momento stava facendo il tifo “come tutti noi” improvvisamente “si è accasciato in terra”.

A quel punto, prosegue il titolare del bar, “sono corso subito (…) e con me è venuto Gabriele e abbiamo iniziato a fargli io la respirazione e lui il massaggio cardiaco”, mentre “un altro cliente chiamava il 118 e dava tutte le indicazioni”. Così, “siamo riusciti a tenerlo in vita intanto che arrivava l’ambulanza e l’auto medicalizzata. Loro lo hanno defibrillato e fatto tutto quello che dovevano. A quel punto ha ripreso conoscenza”.

Il signor Bruno al momento è ricoverato in Cardiologia, sta meglio ma dovrà essere sottoposto a un intervento. Ma gli angeli custodi sono “entrambi molto felici di quello che abbiamo fatto e aspettiamo Bruno qui nel bar da noi”.

In attesa della prossima gara, che noi di Tuttomotoriweb ci auguriamo essere altrettanto avvincente, ma possibilmente priva di “effetti collaterali” di questo tipo, chissà che al signor Bruno non arrivi un messaggio di solidarietà anche da Valentino Rossi