CONDIVIDI

Nei giorni scorsi sono cominciate le riprese del nuovo programma presentato dall’ex trio inossidabile di Top Gear, formato da Jeremy Clarkson, James May e Richard Hammond, trasmesso in esclusiva da Amazon Prime ed i cui primi episodi saranno in onda dagli inizi del 2016. La notizia è stata resa ufficiale tramite una fotografia caricata sul profilo twitter di Jeremy Clarkson che preannuncia: “Con un equipaggio ridotto, le riprese per il nuovo programma automobilistico di Amazon Prime sono iniziate”.

Molto probabilmente la prima grande sfida del nuovo programma si terrà all’Algarve International Circuit di Portimao, in Portogallo, dove si svolgono numerosi test stampa e gare di vario tipo. In pista sono schierate tre delle migliori supercar al mondo: LaFerrari, McLaren P1 e Porsche 918 Spyder.

La nuova serie tv di motori dovrebbe intitolarsi Gear Knobs, o più probabilmente Gear Nobs, o ancora Drive2Prime (il nome non è ancora stato ufficializzato). Per la gioia dei tanti nostalgici della trasmissione Top Gear il trio si è rimesso al lavoro dopo l’addio alla BBC causato da una rissa avvenuta per futili motivi tra Clarkson e un produttore all’interno di un hotel. Il nuovo show promette di essere un programma di vaste proporzioni, visto l’ingente investimento messo in atto da Amazon per avere i tre conduttori e preparare il nuovo programma.

Nei giorni scorsi Jeremy Clarkson ha trattato dell’argomento del momento, lo scandalo del diesel Volkswagen, in un editoriale pubblicato sul Sunday Times del 27 settembre. “Per quanto ne so, ciò che è stato fatto [da Volkswagen] non è poi così un male”, ha esordito il presentatore britannico, secondo il quale la colpa sarebbe da attribuire ai soliti ambientalisti che per anni hanno sostenuto che le auto diesel avrebbero salvato il pianeta.

Per il giornalista inglese le auto in questione sono tra le migliori al mondo e Volkswagen ha semplicemente “preso in considerazione una serie di numeri arbitrari che sono stati sognati da un manipolo di governanti malinformati e confusi, e ha deciso di ignorarli”. Il comportamento del marchio tedesco, conclude quindi Clarkson, non è stato un delitto o un disastro ambientale ma un semplice “aggiramento delle regole, cosa che tutti facciamo”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori