CONDIVIDI
Flavio Briatore (Getty Images)

A pochi giorni dall’uscita del libro “Sulla ricchezza” Flavio Briatore torna ad essere un fiume in piena quando si parla di quattrini. L’ex manager di Formula 1 ha animato, e non poco, la trasmissione Tiki Taka in onda su Italia 1. Una semplice domanda del giornalista Pierluigi Pardo ha fatto esplodere il “vulcano piemontese”.

“A Monte Carlo ci sono i poveri? Come si vive nel Principato?”, chiede il presentatore al manager cuneese, ospite in collegamento. Una domanda consona al suo libro e alla partita di Champions League tra Monaco e Juventus. Ma Flavio Briatore parte a tutto gas… “E’ un luogo dove se uno ha le possibilità può viverci tranquillamente… Queste cose di ricchi e poveri sono tutte cazzate che ogni volta tirate fuori. Intanto cominciate a guadagnare per potervi permettere Monte Carlo. Non rompete sempre i maroni con queste robe qui, perchè io mi alzo e me ne vado”.

Parole al vetriolo che creano una certa tensione nello studio Mediaset. Ma Mister Billionaire va giù duro. “Ricchi… poveri… cosa vuol dire? Siete degli ignoranti, dei rancorosi”. Si rivolge a Pierluigi Pardo e chiede: “Quanto guadagni al mese? Sei povero o sei ricco? Quanto guadagna Giletti?”. Il presentatore viene tirato in ballo, ma Briatore forse si accorge di stare esagerando e raddrizza il tiro. “Scusa… c’è sempre questa invidia sociale. Ho fatto venti anni di Formula 1, ho comprato e venduto sette squadre di Formula 1, tre squadre di calcio. Ma perchè venite a rompere i maroni a me? A Monte Carlo i poveri non ci sono”.

In studio si cerca di riportare la calma, gli ospiti cercano di tirare il freno al treno Briatore e alla fine l’ultimo exploit del manager. “Dovete pensare alla professionalità, ai rischi. Diamo lavoro a 3000 persone, di cosa parlate? Quanti posti di lavoro avete creato voi?”. Pardo tenta di cambiare discorso chiedendogli di Balotelli al Napoli, ma Flavio Briatore chiosa: “Parlane con qualcun’altro. Richiamami tra cinque minuti perché adesso non rispondo”. Dopo la tempesta risplende il sereno…