Cacciatore
Cacciatore (Getty Images)

Un giudice statunitense ha emesso una condanna per un bracconiere abbastanza curiosa e fuori dagli schemi. L’uomo dovrà vedere almeno una volta al mese il famoso cartone animato Bambi

Continua la caccia ai bracconieri in tutto il mondo. Migliaia sono gli animali uccisi dal fuoco di carnefici che sparano per svariati motivi, tutti riconducibili al guadagno. Dall’uccisione di elefanti e rinoceronti per le zanne d’avorio che hanno raggiunto valori di mercato incredibili, alla vendita di pelli di animale, per finire con l’uccisione di svariati animali per riti e usanze antiche.  Sono numerosi anche gli arresti e le condanne per la caccia di frodo, ma uno in particolare rimarrà probabilmente nella storia. Il caso in questione è quello di un giudice americano che ha condannato un bracconiere a vedere un famoso e triste cartone animato Disney almeno una volta al mese durante tutta la sua permanenza in carcere.

La curiosa condanna del giudice americano al bracconiere di cervi

Un giudice del Missouri, Robert George, ha emesso una sentenza di condanna fuori dagli schemi nei confronti di un ragazzo di 29 anni, David Berry Jr., accusato di aver cacciato illegalmente senza regolare licenza cervi. Il bracconiere dovrà scontare un anno di prigione, ma durante la sua permanenza in carcere, il giudice ha deciso che dovrà guardare il famoso cartone animato Disney Bambi. A questi 12 mesi di detenzione si aggiungono altri 120 giorni per la violazione della libertà vigilata a cui era sottoposto il ragazzo. La visione del drammatico lungometraggio d’animazione, uscito nell’agosto del 1942, non sarà limitata ad una sola occasione, ma il 29enne dovrà vederlo almeno una volta al mese durante l’intera permanenza al carcere della contea di Lawrence. Berry Jr. è stato arrestato, dopo oltre otto mesi di indagine, insieme ad altri due suoi familiari, tra cui il padre, anch’essi accusati di caccia di frodo. Secondo quanto emerso dalle indagini degli investigatori, il trio di bracconieri cacciava illegalmente di notte i cervi e dopo averli uccisi, li decapitava per esporre la testa degli animali come trofei abbandonandone i corpi. Non c’è una stima precisa dei capi uccisi dai tre cacciatori di frodo, ma si pensa che siano diverse centinaia.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore