CONDIVIDI
Andrea Iannone (©Getty Images)

Andrea Iannone sta vivendo una stagione davvero difficile in Suzuki. Dopo l’exploit dell’anno scorso con la prima vittoria in MotoGP con la Ducati, il pilota di Vasto è passato al team giapponese dove ha trovato una moto con qualche problema di troppo. Ad oggi il suo miglior piazzamento resta il 4° posto in Giappone, ma a Valencia, nell’ultimo appuntamento mondiale, potrà provare a rifarsi.

L’annata nera di Andrea Iannone però sta vivendo un altro capitolo negativo, che va oltre il lato sportivo. Da qualche giorno, infatti, il cuore del driver di Vasto è frantumato dal dolore per un amico, Paolo, che lotta in ospedale tra la vita e la morte. La cosa lo sta letteralmente distruggendo.

Un momento difficile per chi conosce Paolo

Andrea Iannone ha deciso di affidare il suo dolore alla rete, con una toccante lettera su Instagram: “La vita è meravigliosa è vero, ma a volte sa essere bastarda… in un attimo ti porta su e ti fa credere quasi di essere invincibile e poi in un secondo ti sbatte a terra con tutta la forza e la durezza di un pugno in faccia. E così Paolo io sto come se mi avessero colpito in pieno volto e non riuscissi più a riprendermi”.

Il pilota della Suzuki poi continua: “Ti penso lì in quel letto di ospedale, ogni giorno, ogni ora, sempre. Non mi do pace amico mio. Vorrei poterti dire che è un momento del cazzo e tutto si risolverà, come dicevi sempre tu a me, ma non mi escono nemmeno le parole.. Penso a tutte le cose che abbiamo fatto e a tutte quelle che dobbiamo ancora fare.. Non puoi mollare! Non puoi e non devi, tutti abbiamo ancora bisogno di te Paolo! Ti avevo anche comprato il tuo benedetto drone, è lì amico mio”.

Infine Andrea Iannone ha così concluso: “È lì e nessuno lo tocca, devi aprirlo tu, devi pensarci tu come pensavi sempre a tutte le mie cose. La vita è difficile a volte è vero, ma è anche capace di farci dei regali immensi ed io voglio sperare che ne faccia uno a tutti noi che ti vogliamo bene e ti dia la forza di riaprire gli occhi e tornare ad essere con noi come prima e più di prima. Ti voglio bene come dici tu a modo mio! Fai presto ti sto aspettando, il tuo stronzo preferito”.

Antonio Russo

La vita è meravigliosa è vero, ma a volte sa essere bastarda… in un attimo ti porta su e ti fa credere quasi di essere invincibile e poi in un secondo ti sbatte a terra con tutta la forza e la durezza di un pugno in faccia. E così Paolo io sto come se mi avessero colpito in pieno volto e non riuscissi più a riprendermi.. Ti penso lì in quel letto di ospedale, ogni giorno, ogni ora, sempre. Non mi do pace amico mio. Vorrei poterti dire che è un momento del cazzo e tutto si risolverà,come dicevi sempre tu a me, ma non mi escono nemmeno le parole.. Penso a tutte le cose che abbiamo fatto e a tutte quelle che dobbiamo ancora fare.. Non puoi mollare! Non puoi e non devi, tutti abbiamo ancora bisogno di te Paolo!Ti avevo anche comprato il tuo benedetto drone, è lì amico mio.. È lì e nessuno lo tocca, devi aprirlo tu, devi pensarci tu come pensavi sempre a tutte le mie cose.. La vita è difficile a volte è vero, ma è anche capace di farci dei regali immensi ed io voglio sperare che ne faccia uno a tutti noi che ti vogliamo bene e ti dia la forza di riaprire gli occhi e tornare ad essere con noi come prima e più di prima. Ti voglio bene come dici tu a modo mio! Fai presto ti sto aspettando,il tuo stronzo preferito! 🙏🏼❤️

Un post condiviso da Andrea Iannone (@andreaiannone) in data: