CONDIVIDI
Andrea Iannone (Instagram)

Andrea Iannone sta vivendo il periodo più nero della sua carriera. Ad oggi il suo miglior piazzamento resta il 7° posto ottenuto ad Austin. Il pilota italiano dopo la buona stagione 2016 in Ducati coronata dalla vittoria al Gran Premio d’Austria è giunto in Suzuki pieno di aspettative. Il team giapponese, infatti, nell’ultima annata, grazie a Maverick Vinales aveva vissuto una crescita davvero esponenziale.

Eppure Andrea Iannone aveva cominciato abbastanza bene la sua avventura in Suzuki. Nella pre-season, infatti, i tempi fatti registrare sulle varie piste erano stati buoni e nella prima gara del mondiale, in Qatar, l’italiano era stato in lotta per la vittoria sino allo scivolone che lo aveva poi costretto al ritiro.

Tanti, troppi problemi in Suzuki

Anche in Argentina Andrea Iannone aveva dimostrato di avere un buon ritmo, purtroppo però una falsa partenza in quel caso aveva compromesso la sua gara. I problemi sono arrivati proprio dal Texas in poi. L’ex Ducati, infatti, da quel momento ha cominciato a lamentare diversi problemi e a raccogliere svariate brutte prestazioni.

A complicare ancora di più la sua stagione anche l’amore con Belen, da molti additato come potenziale motivazione del calo di prestazione da parte di Andrea Iannone. Addirittura si era fatta strada l’ipotesi che il box Suzuki avesse allontanato la bella showgirl perché fonte di distrazione.

Nei giorni scorsi, inoltre a peggiorare le cose c’erano stati alcuni scatti di “Chi”, che avevano pizzicato Belen in compagnia del suo ex Stefano De Martino. I due, infatti, erano in vacanza insieme a Ibiza per permettere al piccolo Santiago di stare con entrambi i genitori. A spazzare via ogni dubbio però ci ha pensato lo stesso Andrea Iannone, che sul proprio profilo Instagram ha postato una sua foto in cui viene carezzato da una mano (probabilmente di Belen), con la seguente didascalia: “Fra tante nuvole tu sei il mio sole”.

Antonio Russo

Fra tante nuvole tu sei il mio sole!! ☁️ ☀️ Grazie! ❤️ @belenrodriguezreal

Un post condiviso da Andrea Iannone (@andreaiannone) in data: