CONDIVIDI

New StratosMat New Stratos, il mito rinasce manuale

Passano i decenni ma il calore degli appassionati attorno alla vecchia Lancia Stratos non si affievolisce, anzi, aumenta sempre più. E ne hanno ben donde.

Sono passati quasi dieci anni da quando l’ex studio Pininfarina guidato da Paolo Garella, la MAT (Manifattura Automobili Torino) ha fatto rinascere il mito sotto nuove sembianze e attualizzandolo ai giorni nostri.

New Stratos

Come la Stratos originale era costruita partendo dalla struttura della Ferrari Dino, la New Stratos parte da una Ferrari 430 o da una 430 Scuderia fornita dal cliente.

Inizialmente era prevista solo la versione automatica con palette al volante, ma quest’anno la novità, che verrà portata al Salone di Ginevra, è la possibilità di dotarla di cambio manuale a 5 marce, per far tornare ancora più vibrante lo spirito della Stratos degli anni ’70 e godere del maggiore controllo che solo un cambio manuale può dare.

New Stratos

Putroppo la produzione rimane limitata a 25 vetture, e non proprio per tutte le tasche. Infatti, per aggiudicarsene una bisogna portare agli ingegneri della MAT una Ferrari 430 più altri 550.000 euro per la reincarnazione in New Stratos.

Per tutte le news sul mondo auto LEGGI QUI

Se siete interessati ad un investimento del genere o volete almeno sognare al solo vederla, la MAT New Stratos farà bella mostra di sé al Palexpo di Ginevra al Salone dell’Auto, dal 7 al 17 marzo prossimi.

Daniele Mancin

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori