CONDIVIDI

La vendita di auto usate quest’anno sta conoscendo un trend positivo. In particolare, nel mese di febbraio il mercato delle vetture di seconda mano ha beneficiato di un segno “più”, visto che i passaggi di proprietà delle macchine hanno fatto registrare, rispetto al mese di febbraio del 2014, un incremento pari al 6.9%. Il tutto al netto delle minivolture, vale a dire dei trasferimenti temporanei che vengono effettuati a nome del concessionario mentre si aspetta la rivendita al cliente finale. In particolare, nel mese di febbraio, ogni 100 auto nuove sono state vendute 188 auto usate. Nel primo bimestre di quest’anno, invece, il rapporto era di 100 a 182.

Dati che, dunque, rivelano uno scenario più che positivo, anche se risultano in flessione i passaggi di proprietà relativi alle moto e agli scooter, che hanno mostrato un decremento mensile dell’1.6% (sempre non tenendo conto delle minivolture), sebbene adesso il codice della strada prevede che anche i minorenni possono viaggiare in due sugli scooter. Ecco, quindi, che nei primi due mesi di quest’anno nel complesso i passaggi di proprietà netti sono aumentati per le auto del 2.1% e sono diminuiti per le moto dello 0.6%. A fornire tutti i dati nel dettaglio è l’ultimo bollettino mensile Auto-Trend, che può essere consultato sul sito Internet dell’Aci, e che costituisce l’analisi statistica che è stata eseguita dall’Aci stesso a partire dai dati del Pra.

Altre informazioni interessanti riguardano le radiazioni, che hanno fatto registrare – sempre per il mese di febbraio – un calo marginale pari allo 0.3% rispetto a febbraio dello scorso anno per le quattro ruote. A incidere su questo dato è stata in modo particolare la riduzione delle radiazioni per esportazione, con un calo addirittura del 25.6 %. In aumento, d’altro canto, le demolizioni, con un + 9.5%.

Insomma, lo scenario del mercato delle auto usate sembra attraversare un momento felice, che per altro ormai dura da diversi mesi: basti pensare che a settembre del 2014 i passaggi di proprietà delle macchine sono aumentati dell’8.7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Ciò vuol dire che non si tratta di un trend passeggero, ma di una tendenza che si sviluppa per lo meno sul medio termine. A incidere, in questo panorama, è senza dubbio la perdurante situazione di crisi economica che grava sul Paese, e che induce gli automobilisti a preferire le vetture usate a quelle nuove.

auto-usate