CONDIVIDI

HYUNDAI VELOSTER РLa derivata di serie della Hyundai Veloster Concept sarà presentata il prossimo gennaio al Salone di Detroit. E porterà al debutto una serie di novità, anche concettuali, nel segmento delle coupé compatte. Hyundai la definisce “utility coupe”, a sottolineare i suoi aspetti più originali -come il singolare sistema di apertura delle porte- e la loro praticità.

Il prototipo, presentato al Salone di Seoul del 2007, era inizialmente destinato a rimanere lettera morta, ma le reazioni al suo lancio sono state favorevoli e la casa ha così deciso di produrlo. Tanti i dettagli che il modello di serie riprenderà dalla concept, dall’andamento del cofano al montante anteriore nero, passando per i gruppi ottici anteriori e posteriori a LED e soprattutto per il layout delle portiere, del tipo 2+1.

Sul lato passeggero, oltre alla portiera anteriore, la Veloster avrà dunque una piccola portiera per agevolare l’accesso ai sedili posteriori. Anche dentro, abitabilità e bagagliaio sembra che saranno a tutta prova, pur fatto salvo lo spirito sportiveggiante del prodotto, che rimane prioritario. La console centrale, a sua volta, è dominata da un touch screen da 7″.

Dal punto di vista tecnico, la Veloster nasce sulla piattaforma modificata della Kia cee’d, e offrirà una gamma motori articolata su un 1.6 benzina aspirato a iniezione diretta da 140 CV e una variante turbo da 208 CV. Sul modello debutterà peraltro il nuovo sei marce doppia frizione della casa coreana, in grado di diminuire i consumi del 5% e migliorare l’accelerazione del 7% rispetto al sei marce manuale.

Chiaramente, ancora nulla di ufficiale si sa in materia di listini, ma la Veloster potrebbe arrivare nel nostro paese dopo l’estate 2011 ad un prezzo base nei dintorni dei 20.000 euro.

Autoblog.it