CONDIVIDI

Trascorso ormai il 15 aprile, termine ultimo dell’obbligo di montare le gomme invernali sulla propria auto, gli automobilisti si preparano al cambio pneumatici con il passaggio alle coperture estive. Secondo le normative vigenti del Codice della Strada, è concesso un mese di tolleranza per il passaggio da invernale e estiva.

Ma quali sono i vantaggi in termini di sicurezza comportati dalle gomme estive?

L’innalzamento delle temperature dell’asfalto è un aspetto da tenere in considerazione in estate, così come in inverno non è possibile trascurare le basse temperature accompagnate da ghiaccio e neve sul manto stradale.

Il cambio gomme con l’adeguamento agli pneumatici estivi non è obbligatorio ma altamente consigliato. Tenere infatti ancora montate gomme invernali sotto la propria auto espone queste ultime ad una maggiore sensibilità a contatto con temperature più alto e quindi un conseguente deterioramento del battistrada. L’utilizzo delle gomme adatte a seconda del periodo della stagione garantisce maggior aderenza al fondo stradale, prestazioni migliori e una tenuta di strada regolare.

Cambio gomme estive, come risparmiare

Il cambio gomme rappresenta una spesa da affrontare non da poco per l’automobilista medio, ma alternare pneumatici estivi e pneumatici invernali durante l’anno comporta un risparmio costante nel tempo. Innanzitutto l’usura è egualmente distribuita durante il corso dell’anno e non va a gravare, dunque, sull’utilizzo di un unico pneumatico. Inoltre, a seconda delle temperature, utilizzare la tipologia adatta di gomme permette di ottenere un minor consumo di carburante, facendo leva su performance migliori.

Una soluzione sempre più in voga tra i consumatori italiani per risparmiare sul cambio pneumatici, è l’acquisto online tramite rivenditori come Euroimport Pneumatici, tra i leader nel settore delle vendite in rete di gomme auto che mette a disposizione vasto catalogo di prodotti dei migliori marchi in circolazione (Michelin, Pirelli, Bridgestone, Continental e tanti altri) a prezzi competitivi e per tutte le esigenze.

Le sanzioni previste in caso di mancato cambio gomme

Non effettuare il passaggio da una tipologia all’altra di gomme può essere sicuro in un solo caso, ovvero solo quando il codice di velocità degli pneumatici sia uguale o superiore a quello generalmente indicato sul libretto della propria auto. Nel caso in cui non si verifichi questa condizione, i rischi, in termini di sanzione sono elevati. Come recita infatti l’articolo n.78 del Codice della Strada, chi viene sorpreso a circolare con una vettura con caratteristiche non in regola con quelle indicate nel certificato di omologazione può essere soggetto a contravvenzione che vanno da un minimo di 419 euro ad un massimo di 1682 euro con conseguente, inoltre, ritiro della carta di circolazione.

In vista della stagione estiva, inoltre, l’AssoGomma ha fatto partire l’iniziativa “Vacanze Sicure 2017”, in collaborazione con Feder Pneus e Polizia Stradale. Un progetto che prevede più di 10.000 controlli sulle principali strade provinciali e autostrade italiane per controllare lo stato e la tipologia delle gomme montate sotto la propria auto per lunghi e brevi spostamenti.