CONDIVIDI

La Fiat Panda nacque dalla sapiente matita di Giorgetto Giugiaro nel 1980. Era la risposta della Fiat per riconquistare quella leadership in uno dei mercati più inflazionati, quelle delle utilitarie o city car se preferite.

Fiat Panda 1a serie
photo web source

La Storia in breve

L’intenzione della casa torinese era sostituire due pietre miliari, come la 126 e la 127, con un modello nuovo più competitivo che ne riproponesse le due motorizzazioni. Il bicilindrico raffreddato ad aria della prima, nella versione Panda 30 e l’intramontabile ed inarrestabile quattro cilindri da 903cc nella versione Panda 45. Per il grande pubblico è stato quasi amore a prima vista tanto che per il primo sensibile restyling si è dovuto attendere il 2003. Anno in cui Giuliano Bisio per Bertone realizzò il nuovo concept dell’utilitaria torinese.

Fiat Panda 2a versione
photo by Rudolf Stricker

P’and’al mare, p’anda’ in montagna, al lago, ai monti co’ l’amici e chi più ne ha più ne metta. Fiat Panda è rapidamente entrata a far parte della vita degli italiani anche nello slang degli anni ottanta e novanta tanto ha influenzato il mercato e le abitudini delle famiglie dell’epoca. Chi non l’ha mai guidata almeno una volta? Un’auto spaziosa, robusta, comoda, alta e capiente con una caratteristica unica quel tascone anteriore sotto al parabrezza dove poter poggiare di tutto. Più di 6 milioni e mezzo di auto vendute fino all’arrivo dell’ultima Fiat Panda l’attuale terza serie uscita dal centro stile di casa Fiat nel 2012.

Com’è la terza serie – La nuova Fiat Panda

La nuova Panda, come accennato è uscita direttamente dal centro stile di Torino nel Febbraio del 2012 estremamente cambiata da quella vettura squadrata ed essenziale concepita dal genio di Giugiaro. Un’evoluzione inevitabile ad oltre trent’anni dalla sua prima apparizione. Le sue linee oggi appaiono più morbide ed arrotondate pur conservando quell’idea di essenzialità e robustezza.

Fiat Panda - gamma
foto web source

Gli esterni della Fiat Panda

Eccoci dunque davanti all’ultima versione della Fiat Panda. Il primo colpo d’occhio è piacevole, una originale combinazione di linee squadrate ed angoli stondati che prendono forza dai parafanghi allargati stile mini SUV. Pratici i paracolpi laterali che corrono lungo le fiancate a proteggere la carrozzeria dalle classiche toccatine da parcheggio. Questa terza serie è prodotta in Italia e precisamente negli stabilimenti di Pomigliano d’Arco e non più in Polonia. Il corpo auto è aumentato nelle sue dimensioni. Oggi la vettura misura 3,65 mt di lunghezza 1,64 di larghezza ed 1,55 di altezza. Il peso complessivo sfiora i 950 kg.

Fiat Panda Esterni
photo web source

Interni della Fiat Panda

Apriamo la portiera ed accomodiamoci all’interno della nostra Fiat Panda in versione Easy. La prima sensazione che riceviamo è quella di spaziosità e luminosità, di un ambiente originale, accogliente e ben strutturato come noi italiani sappiamo concepire, comodo per quattro adulti. Tutto riprende il concetto degli esterni delle linee squadrate con angoli stondati. Il cruscotto ha qualche piccolo lato oscuro ma presenta tutta la strumentazione necessaria, ben posizionati i comandi buoni i materiali utilizzati che risultano complessivamente ben assemblati. Qualche lieve imprecisione si può ritrovare in zone comunque fuori dal campo visivo. Particolare anche la forma del freno mano. Il Clima è optional comodo il vano portaoggetti posto difronte al passeggero. Ottimo il bagagliaio da 225 litri uno dei più grandi della categoria cui si accede con un’ampia apertura.

Fiat Panda
photo web souce

Alla guida della Fiat Panda

Mettiamo in moto la nostra Fiat Panda ed usciamo a fare un giro. La prima sensazione è quella di avere tra le mani una vettura solida, comoda e maneggevole. Dimensioni ed ingombri sono immediatamente percepibili grazie alle ampie superfici vetrate ed alla seduta molto più alta delle concorrenti. Qui si viaggia a quasi 60 cm dal suolo. In manovra premendo il tasto “city” il volante si gira con un solo dito.

Fiat Panda
photo web source

Il motore 1,2 da 69 CV è nato per muoversi agilmente e con disinvoltura in città dove spiccano le sue grandi doti di economicità. La panda è una vettura “tranquilla”, per spostarsi in tutta tranquillità e con un ottimo livello di comfort garantito dalla morbida taratura delle sospensioni in grado di assorbire egregiamente ogni asperità. Questo la penalizza leggermente nelle strade extraurbane ricche di curve in sequenza; qui il rollio si percepisce abbastanza e l’ESP diventa un optional da non trascurare. In autostrada la marcia è sicura e la vettura risponde in pieno alle attese anche grazie allo sterzo molto preciso, i freni sono adeguati alle prestazioni potenti e ben modulabili non si affaticano mai.

Fiat Panda Interni
photo web source

Il cambio è ben scalato abbastanza fluido con qualche piccolissima impuntatura. I progettisti non hanno certamente lavorato sull’estremizzazione del CX aerodinamico ma, vista la categoria dell’auto si sono concentrati sul concetto tanto spazio in poco spazio e, nonostante le linee molto più arrotondate delle due versioni precedenti, il consumo ne risente in funzione della velocità. In autostrada la ns. Panda a 130 orari non va oltre i 12,5 Km/l ma in fondo questa è vuole essere una City car. In città il risultato, nonostante l’assenza dello Start & Stop,  è molto positivo: 14,5 Km/l che diventano 17,5 su strade extraurbane.

Fiat Panda
photo web source

Le prestazioni dichiarate da Fiat

Modello: Fiat Panda Easy 1.2
Costi: da 12.200 euro
Motore:  1242 cc benzina da 69 CV con una coppia da 102 Nm a 3000 giri/min
Trazione: anteriore
Consumo medio dichiarato : 19,2 Km/l
Velocità massima: 164 kmh
Accelerazione 0-100 km/h: 14,2 secondi

Queste alcune delle rilevazioni pubblicate da Al Volante.it sul numero di dicembre 2016 della stessa vettura:

Velocità massima: 164,4 km/h in IV
Accelerazione: 0-100: 14,4 secondi
Consumo medio: 14,9 Km/litro

Fiat Panda
photo web source

Cosa dicono di lei

Panoramauto.it: “la citycar torinese è cresciuta nelle dimensioni, nel numero di porte e nelle immatricolazioni ed è diventata l’auto più amata dagli italiani”.

Motori.it: “La Fiat Panda è una delle vetture più vendute della Casa Automobilistica di Torino, da oltre 30 anni in vendita, nelle ultime versioni ha ricevuto diversi riconoscimenti”.

Al Volante.it: “È agile ed ha uno sterzo preciso…fluido e poco assetato il 1.2 a benzina“.

OmniAuto.it: “La Panda rimane un’auto fresca e piacevole nonostante i 5 anni di carriera… gli accorgimenti introdotti per il 2017 sono per lo più marginali e di contorno”.

Fiat Panda
photo web source

Le nostre considerazioni

Pratica, essenziale, comoda, robusta, affidabile, pronta ad affrontare con disinvoltura qualsiasi situazione, Fiat Panda ha nel suo DNA il segreto del perché è l’auto più venduta in Italia. Approcciandoci a lei si ha subito, e sottolineerei da sempre, la sensazione di una vettura che non tradisce, che parte al primo colpo, l’auto che presti con tranquillità a tuo figlio e che guida anche il nonno quella che non ti pianta mai in asso. Noi siamo convinti che in realtà il motivo del suo successo non è nella sua linea, comunque piacevole, non è nelle sue prestazioni, in linea con le numerose concorrenti, non è nella sua ottima economicità complessiva, ma è nel suo spirito.

Fiat Panda
photo web source

La Panda è un pezzo di Italia lavoratrice, semplice ed efficiente come siamo nell’animo noi italiani, noi che andiamo avanti comunque che rattoppiamo le falle con un pezzo di scotch e di fil di ferro, noi che con gli altri siamo “vieni comunque che in qualche modo ci stringiamo e ci stiamo”. Ecco cosa è la Panda, lo spirito e la tradizione del nostro Bel Paese, il nostro essere italiani. In una parola La Panda siamo noi.

Buona Guida

CS

Potrebbe interessarti: Le auto più vendute in Italia nel 2017